Giovani e adulti, chi sono i social-dipendenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giovani e adulti, chi sono i social-dipendenti

di Silvia Capone

Si stanno rapidamente diffondendo, soprattutto negli Stati Uniti, i centri per il trattamento delle dipendenze da social media dei giovanissimi con rette che possono arrivare anche fino a 50 mila dollari. Nonostante non sia ancora una patologia certificata, il legame che soprattutto i giovani hanno con i social sembra allarmante: secondo l’analisi di Common-Sense Media, un’organizzazione che monitora l’uso dei social media, il 50% dei ragazzi americani si sente dipendente da telefonini e tablet, con un uso che va dalle 6 alle 7 ore al giorno. In Italia la situazione non è diversa.

Secondo un sondaggio condotto su 500 persone dall’Associazione Di.Te che si occupa di dipendenze tecnologiche, prevenzione e cyberbullismo, il 79% dei ragazzi di età compresa tra i 15 e i 20 anni non riesce a staccarsi da smartphone e tablet per più di tre ore neppure di notte, con il 51% che controlla le notifiche del proprio cellulare più di 75 volte al giorno. Tra tutti i social quello che, secondo uno studio della Royal Society for Public Health e dello Young Health Movement basato su quasi 1500 giovani britannici tra i 14 e i 24 anni, crea più dipendenza è Instagram, con intervistati che dichiarano addirittura di aver avuto episodi di panico nei casi in cui non potevano controllare le notifiche e gli aggiornamenti.

Per episodi del genere, la “dipendenza” è stata classificata come disturbo con la sigla IAD – Internet Addiction Disorder – ed è stato coniato un termine per descriverne i sintomi, nomofobia ovvero la paura di non avere con sé il cellulare e di non poterlo controllare. Legate a questi “sintomi”, le preoccupazioni legate all’assuefazione da social non riguardano in modo specifico le ore trascorse online, che per essere patologica si parla di 7-9 ore connessi al giorno, ma si può parlare di dipendenza patologica se il web si sostituisce alla vita reale e non si integra con essa. Si fa riferimento quindi ad un abuso di internet che comporterebbe problemi reali quali isolamento sociale, disturbi del sonno e depressione. I sintomi si ascrivono in modo particolare agli adolescenti, ma l’utilizzo eccessivo e scorretto di internet coinvolge anche gli adulti. Sempre secondo i dati dell’Associazione Di.Te, il 49% degli over 35 dichiara di non saper stare senza cellulare, controllando le notifiche o messaggi almeno 43 volte al giorno.

Più significativi sono i dati che emergono da un’indagine condotta nel 2016 su un campione di 50 mila persone di 31 paesi tra i 18 e i 75 anni dal Global Research Centre di Deloitte secondo cui il 57% degli intervistati controlla il cellulare entro 22 minuti dal risveglio, il 59% controlla il proprio smartphone più di 200 volte al giorno, l’80% si addormenta col cellulare in mano e l’83% legge le mail durante la notte, proprio per la perenne incapacità di disconnettersi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Censis: «Il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle in vista delle feste natalizie»

«In vista del Natale e del Capodanno il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle». Lo rileva il 54esimo Rapporto…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è sceso a 0,91

Nel periodo compreso tra l’11 e il 24 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,91. Lo…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa Francesco: «Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi»

«Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi». Lo ha detto Papa Francesco in un videomessaggio, in spagnolo, inviato ai partecipanti alla 23esima Giornata della…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Biden ha chiesto a Fauci di «restare nello stesso ruolo che ha avuto con i precedenti presidenti»

Il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, ha chiesto al direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Anthony Fauci, di «restare nello…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia