Giovani e politica, il cambiamento secondo la Generazione Z | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giovani e politica, il cambiamento secondo la Generazione Z

L'ultimo Rapporto dell’Osservatorio «Generazione Proteo» traccia un quadro che potrebbe essere in contrasto con l’idea che si ha dei giovani tra i 17-19 anni, uno scenario molto interessante soprattutto adesso che appare imminente il ritorno alle urne
di Redazione

Il sesto Rapporto dell’Osservatorio «Generazione Proteo» della Link Campus University, che per quest’edizione sonda i pareri di 20 mila giovani di età compresa tra i 17 e i 19 anni, traccia un quadro che potrebbe essere in contrasto con l’idea che si ha di loro, di ragazzi sfiduciati e indifferenti al mondo che li circonda. In realtà, i giovani protagonisti dello studio, appartengono alla Generazione Z che, a differenza dei Millennials perfezionisti e spesso fatalisti, sono idealisti, attenti alla politica e ai problemi globali.

Nonostante ciò sembra permanere una certa ombra di scoraggiamento: è vero che il 63,5% di essi si dice abbastanza soddisfatto della propria vita, ma solo il 40% si sente fiducioso per il suo corso con una percentuale molto alta di “nostalgici” del passato, e in particolare, il 42,7% degli intervistati non si sente rappresentato da nessun partito o movimento politico. Ma i Centennials sono soprattutto critici e consapevoli, perché pur non identificandosi sotto nessuna bandiera (poco più del 39% è abbastanza o molto interessato alla politica, un’inversione di tendenza rispetto al dato degli scorsi anni che vedeva picchi di oltre il 70% di coloro che si dichiaravano per nulla interessati alla materia) sono andati a votare in massa con un’affluenza che è stata dell’80,9% e quasi la totalità di loro l’ha fatto dopo essersi informato e perché, nel 79,4% dei casi, ritiene il voto un dovere civico.

Proprio il senso civico appare una caratteristica evidente, da quanto emerge dalla ricerca, dato che gli intervistati della Generazione Z sono ben consapevoli di cosa pretendere dai politici, onestà e competenza, dell’importanza delle istituzioni per la stabilità del Paese, il 36,8%, e dell’identikit del buon cittadino, ovvero colui che non discrimina in base alla razza, all’orientamento religioso o sessuale. Il rispetto dei diritti diventa un cardine della loro educazione generazionale e proprio questo fa sì che i giovani siano aperti al confronto e che identifichino la scuola come luogo adatto, anche se troppo spesso i rigidi programmi mancano di spazio per dibattiti su attualità, per il 30% degli studenti, e preparazione al mondo del lavoro, secondo il 26,7%.

Si definiscono cittadini europei e anche nel proprio luogo infatti il 39% dei ragazzi intervistati pensa che la presenza di studenti stranieri in classe incoraggi la conoscenza di culture e tradizioni diverse, mentre per il 35,9% non ha conseguenze particolari.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, ISS: «In Italia la prevalenza della variante Delta è al 94,8%»

«In Italia al 20 luglio scorso la prevalenza della cosiddetta “variante Delta” di SARS-CoV-2 era del 94,8%, in forte aumento rispetto alla survey del 22…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Antigone: «Nelle carceri italiane il sovraffollamento è al 113,1%»

Le carceri italiane sono sovraffollate. A denunciarlo è l’associazione Antigone nel suo ultimo rapporto, evidenziando un problema che affligge il nostro Paese da molto tempo.…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green Pass, Lamorgese: «I controlli verranno implementati»

«Green Pass? I controlli ci sono sempre stati ma ora verranno implementati». Così la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo a margine del Comitato sicurezza e…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «Presumibilmente si arriverà ad una terza dose di vaccino»

«In base alle evidenze scientifiche è presumibile che si arriverà a una terza dose, si tratta di capire quale sarà la scadenza per effettuarla». Lo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia