Le nuove app per lo streaming musicale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le nuove app per lo streaming musicale

Un mercato che conta sempre più partecipanti: gli ultimi arrivi sono Qobuz e You Tube Music
di Redazione

Il mercato dello streaming musicale varrà 11,4 miliardi di dollari alla fine del 2018, almeno secondo Statista, provider di ricerche e analisi di mercato.
Nella partita dello streaming musicale intervengono quindi sempre più giocatori, gli ultimi scesi in campo, in ordine di tempo in Italia, sono YouTube Music, e Qobuz.

Il primo è un’espansione della piattaforma più famosa per i video, disponibile da pochi giorni anche in Italia dopo il lancio preventivo negli Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia, Messico e Corea del Su, e consente di ascoltare brani implementati da video musicale, ma offre anche album ufficiali, singoli, remix, performance live, cover e musica, generalmente, difficile da reperire. YouTube Music permette di avere una versione free e una a pagamento, come ormai quasi tutte le piattaforme musicali di streaming: gratuitamente si potrà ascoltare musica con interruzioni pubblicitarie, mentre la versione a 9,99 euro al mese, inclusa nel pacchetto Premium non contiene interruzioni per spot e consente di ascoltare i brani sia offline, che in “background listening”, ovvero mentre si sta facendo altro con il dispositivo. Qobuz invece, accessibile anche in Italia, è un’applicazione francese, dove -pur non dichiarando il numero dei suoi utenti- ammette di coprire nel 2017 il 2,7% del mercato dello streaming del paese. La società, presente già in 11 paesi europei, è più elitaria musicalmente -ma anche economicamente- parlando, infatti si rivolge dichiaratamente ad un pubblico più maturo, per gusti musicali che per abitudini di consumo. La sua caratteristica principale è l’attenzione alla qualità del suono, a cui si accompagna una ricercatezza dei 40 milioni di brani del catalogo, in cui sono selezionate oltre alle novità, anche ripubblicazioni di vari artisti, playlist jazz, di musica classica e elettronica.
Ovviamente puntando sulla ricercatezza Qobuz sacrifica la convenienza, infatti gli abbonamenti base partono da 9,99 euro al mese, per passare a 19,99 euro, fino ai pacchetti più complessi, acquistabili solamente se annuali, quali il Sublime a 219,99 euro all’anno, che vanta un’alta qualità e la possibilità di download in alta risoluzione a prezzo speciale, oppure il Sublime+, a 349,99 euro all’anno, con un’alta risoluzione audio (24 Bit/192 kHz).
La “guerra” per il monopolio dello streaming musicale vede però sempre in testa Spotify, che occupa il 42% del mercato, l’applicazione a maggio ha dichiarato 75 milioni di utenti Premium, e circa 95 che usano il servizio in modalità free.

 

Scrivi una replica

News

Partito democratico, Nicola Zingaretti annuncia dimissioni da segretario

«Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ema avvia sperimentazione Sputnik V

L’Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V. Lo comunica la stessa Ema, specificando che a presentare domanda per l’UE è stata la…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia