Le nuove app per lo streaming musicale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le nuove app per lo streaming musicale

Un mercato che conta sempre più partecipanti: gli ultimi arrivi sono Qobuz e You Tube Music
di Redazione

Il mercato dello streaming musicale varrà 11,4 miliardi di dollari alla fine del 2018, almeno secondo Statista, provider di ricerche e analisi di mercato.
Nella partita dello streaming musicale intervengono quindi sempre più giocatori, gli ultimi scesi in campo, in ordine di tempo in Italia, sono YouTube Music, e Qobuz.

Il primo è un’espansione della piattaforma più famosa per i video, disponibile da pochi giorni anche in Italia dopo il lancio preventivo negli Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia, Messico e Corea del Su, e consente di ascoltare brani implementati da video musicale, ma offre anche album ufficiali, singoli, remix, performance live, cover e musica, generalmente, difficile da reperire. YouTube Music permette di avere una versione free e una a pagamento, come ormai quasi tutte le piattaforme musicali di streaming: gratuitamente si potrà ascoltare musica con interruzioni pubblicitarie, mentre la versione a 9,99 euro al mese, inclusa nel pacchetto Premium non contiene interruzioni per spot e consente di ascoltare i brani sia offline, che in “background listening”, ovvero mentre si sta facendo altro con il dispositivo. Qobuz invece, accessibile anche in Italia, è un’applicazione francese, dove -pur non dichiarando il numero dei suoi utenti- ammette di coprire nel 2017 il 2,7% del mercato dello streaming del paese. La società, presente già in 11 paesi europei, è più elitaria musicalmente -ma anche economicamente- parlando, infatti si rivolge dichiaratamente ad un pubblico più maturo, per gusti musicali che per abitudini di consumo. La sua caratteristica principale è l’attenzione alla qualità del suono, a cui si accompagna una ricercatezza dei 40 milioni di brani del catalogo, in cui sono selezionate oltre alle novità, anche ripubblicazioni di vari artisti, playlist jazz, di musica classica e elettronica.
Ovviamente puntando sulla ricercatezza Qobuz sacrifica la convenienza, infatti gli abbonamenti base partono da 9,99 euro al mese, per passare a 19,99 euro, fino ai pacchetti più complessi, acquistabili solamente se annuali, quali il Sublime a 219,99 euro all’anno, che vanta un’alta qualità e la possibilità di download in alta risoluzione a prezzo speciale, oppure il Sublime+, a 349,99 euro all’anno, con un’alta risoluzione audio (24 Bit/192 kHz).
La “guerra” per il monopolio dello streaming musicale vede però sempre in testa Spotify, che occupa il 42% del mercato, l’applicazione a maggio ha dichiarato 75 milioni di utenti Premium, e circa 95 che usano il servizio in modalità free.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia