Sono 5 milioni gli italiani in povertà assoluta: record dal 2005 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sono 5 milioni gli italiani in povertà assoluta: record dal 2005

Il valore è il più alto dal 2005 e caratterizza soprattutto le giovani famiglie. Cresce rispetto al 2016 anche il numero di persone in situazione di povertà relativa.
di Redazione

Secondo i nuovi dati dell’Istat oltre 5 milioni di persone in Italia, stimati in poco meno di 2 milioni di famiglie, si trovano in una condizione di povertà assoluta, e rispetto al 2016 aumenta sia il numero di persone che di famiglie che non possono affrontare la spesa mensile sufficiente ad acquistare beni e servizi considerati necessari per uno standard di vita accettabile. Vale a dire che l’8,4% della popolazione vive in gravi difficoltà economiche, rispetto al 7,9% del 2016, il valore è anche il più alto dal 2005, anno in cui si hanno i primi dati della serie storica.

A condizionare fortemente la situazione di indigenza intercorrono fattori come la provenienza geografica (l’incidenza al Sud è di 10,3% per le famiglie – rispetto all’8,5% dell’anno precedente – e di 11,4% per gli individui – in aumento dal 9,8% del 2016), l’età della persona di riferimento (infatti il 9,6% delle famiglie con a capo un under 35 sono in povertà assoluta, mentre le famiglie con riferimento un over 65 che condividono questa situazione sono solo 4,6%) e, ovviamente, il tipo di lavoro e il livello di istruzione (come ci si potrebbe aspettare l’incidenza di povertà assoluta diminuisce tra gli occupati e tra coloro che hanno conseguito almeno il diploma). In particolar modo, nelle famiglie in cui la persona di riferimento è un operaio, l’incidenza della povertà assoluta, all’11,8%, è più che doppia rispetto a quelle in cui la persona di riferimento è ritirata dal lavoro, 4,2%, mentre le famiglie il cui riferimento ha conseguito al massimo la licenza elementare registrano un’incidenza del 10,7%, contro il 3,6% se la persona è almeno diplomata.
I dati Istat forniscono un dettaglio anche sulla situazione riguardante la povertà relativa, e secondo l’istituto statistico, sono 3 milioni e 171mila le famiglie residenti, e 9 milioni 368mila gli individui che in Italia vivono in ristrettezze economiche.
Anche in questo caso le percentuali sono in aumento rispetto alla precedente rilevazione, se nel 2016 il 10,6% delle famiglie e il 14% delle persone avevano una condizione economica descrivibile come povertà relativa, al 2017 nella stessa situazione si trovano il 12,3% delle famiglie e il 15,6% degli individui.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 45,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 45.179.529. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Nizza, gruppo tunisino rivendica attacco

La procura antiterrorismo di Tunisi ha aperto un’inchiesta dopo che un sedicente gruppo terroristico “Al Mahdi nel sud della Tunisia” ha rivendicato, tramite un post…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di contagi in Svizzera: 9mila nelle ultime 24 ore

La Svizzera nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 9mila nuovi casi e 52 decessi. A riferirlo sono state le autorità sanitarie alle prese con…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la Francia torna in lockdown

La Francia è tornata in lockdown, ma a differenza di quello primaverile, questa volta rimarranno aperte le scuole, gli uffici, le fabbriche e tutto il…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia