Famiglie: in calo il potere d’acquisto nel primo trimestre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Famiglie: in calo il potere d’acquisto nel primo trimestre

La flessione, spiega l'Istat, «deriva da una crescita della spesa per consumi finali più sostenuta rispetto a quella registrata per il reddito disponibile lordo»
di Redazione

Nel primo trimestre 2018 il reddito disponibile lordo delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. A fronte di un aumento del deflatore implicito dei consumi dello 0,4%, il potere d’acquisto è diminuito dello 0,2%.

La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, calcolata come rapporto percentuale tra il risparmio lordo e il reddito disponibile lordo corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione, nel primo trimestre 2018 è stata del 7,6%, in calo di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Tale flessione deriva da una crescita della spesa per consumi finali più sostenuta rispetto a quella registrata per il reddito disponibile lordo (+0,8% e +0,2% rispettivamente).
Il tasso di investimento delle famiglie consumatrici, calcolato come rapporto tra investimenti fissi lordi e reddito disponibile lordo, nel primo trimestre del 2018 è stato pari a 5,9%, a fronte di un aumento degli investimenti fissi lordi e del reddito lordo disponibile dello 0,2%.
Per quanto riguarda invece le società non finanziarie, la quota di profitto nel primo trimestre del 2018 è stata pari al 41,6%, con un aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. In termini congiunturali, la lieve crescita di questo indicatore è il risultato di un aumento del risultato lordo di gestione pari a quello del valore aggiunto (+0,5%).
Il tasso di investimento delle società non finanziarie nel primo trimestre del 2018 è stato del 21,3%, in flessione di 0,7 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, in corrispondenza di una diminuzione degli investimenti fissi lordi del 2,6%

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia