Commercio, a maggio esportazioni in calo (-1,6%) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio, a maggio esportazioni in calo (-1,6%)

«A maggio 2018 si stima un calo congiunturale per le esportazioni (-1,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,8%). La flessione congiunturale dell’export è da ascrivere prevalentemente alla diminuzione delle vendite verso i mercati extra Ue (-3,1%), mentre la riduzione verso l’area Ue è più lieve (-0,5%)». Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di una nota stampa.
«A maggio 2018 – prosegue il comunicato – la flessione dell’export su base annua è pari a -0,8% e coinvolge esclusivamente l’area extra Ue (-2,8%) mentre per i paesi Ue si registra una crescita (+0,7%). Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla dimunzione tendenziale dell’export nel mese di maggio, si segnalano autoveicoli (-10,0%), macchinari e apparecchi n.c.a (-3,0%), articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti. medici e altri prodotti n.c.a. (-7,8%) e sostanze e prodotti chimici (-4,2%), mentre nello stesso mese contribuiscono positivamente i prodotti petroliferi raffinati (+14,1%) e gli articoli di abbigliamento, anche in pelle e in pelliccia (+5,1%).
Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente al calo delle esportazioni sono paesi OPEC (-16,6%), Turchia (-11,3%), Belgio (-6,8%), Russia (-10,7%) e Cina (-5,7%).
Nel periodo gennaio-maggio 2018, la crescita tendenziale dell’export è pari a +3,0% ed è principalmente determinata da metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+6,4%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+3,6%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+4,9%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+4,7%).
Si stima che il surplus commerciale diminuisca di circa un miliardo di euro (da +4.344 milioni a maggio 2017 a +3.378 milioni a maggio 2018). Nei primi cinque mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +13.895 milioni (+29.644 milioni al netto dei prodotti energetici).
Nel mese di maggio 2018 – conclude l’ISTAT – si stima che l’indice dei prezzi all’importazione aumenti dello 0,6% su aprile 2018 e del 2,3% su base annua. Al netto dei prodotti energetici, l’indice diminuisce dello 0,1% in termini congiunturali e dello 0,4% in termini tendenziali».

 

Scrivi una replica

News

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, ricoverata in terapia intensiva la ministra degli Esteri belga

La ministra degli Esteri belga, Sophie Wilmès, è stata ricoverata in terapia intensiva. Quarantacinque anni, è risultata positiva al coronavirus. Il portavoce di Wilmes ha…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Francia e Spagna superano il milione di casi

Spagna e Francia superano il milione di casi di positivi al coronavirus. In Spagna lo ha annunciato il ministero della Sanità, mentre Madrid si prepara…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia