«Europa un nemico», dice Trump. Cosa può significare per l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Europa un nemico», dice Trump. Cosa può significare per l’Italia

Gli Stati Uniti si collocano al terzo posto tra i paesi partner. Secondo il gruppo Sace l'introduzione di nuovi dazi può provocare «un calo di quasi 2 punti percentuali rispetto alla crescita prevista per il 2018»
di Redazione

Nell’intervista che ha concesso alla Cbs prima dell’incontro con il leader russo Vladimir Putin a Helsinki, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha definito l’Europa «un nemico». Lo è dal punto di vista commerciale e la sua posizione non è una novità, soprattutto ni riguardi della Germania. In diverse occasioni Trump ha potuto, di recente, esprimere posizioni di questo tenore: al G7 in Canada e all’ultimo vertice Nato di Bruxelles, la scorsa settimana.

La guerra commerciale che l’amministrazione Trump ha avviato contro la Cina e negli ultimi tempi allargato ai paesi dell’UE, applicando dazi e tariffe ai prodotti importati, preoccupa l’Europa. Al punto che il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha lanciato, di nuovo in queste ore, un appello in riferimento alle tensioni commerciali: «È comune dovere di UE, Cina, Usa e Russia non iniziare guerre commerciali». Una guerra commerciale avrebbe un peso notevole sull’Italia? A occhio e croce sì, anche alla luce delle stime del gruppo Sace. Molto più che l’export – nonostante il rallentamento registrato di recente – ha tenuto a galla l’economia italiana negli ultimi sette anni, gazie alla proiezione internazionale delle nostre imprese.

«Tra le cose che sappiamo di non sapere (known unknown) e che rappresentano una discreta fonte di incertezza – argomenta il Sace –, rientrano gli effetti del protezionismo, il cambio euro/dollaro e l’evoluzione delle catene globali del valore. L’introduzione di nuovi dazi e sanzioni e le sue conseguenze potranno pesare sulle performance future dell’export italiano verso il mondo; uno scenario di escalation di queste misure e di deterioramento della fiducia tra gli operatori provocherebbe un calo di quasi 2 punti percentuali rispetto alla crescita prevista per il 2018 e di ben 3,6 punti percentuali nel 2019, anno in cui l’export si manterrebbe positivo, ma solo dell’1,6%».

Per chiarire ulteriormente le cose e, soprattutto, inquadrare il momento storico, basti sapere che la quota dell’Italia sulle esportazioni mondiali – stavolta i dati sono dell’Istat e si riferiscono al 2017 – è diminuita in misura più accentuata in alcune aree geografiche, in particolare Africa Settentrionale (da 7,50% a 7,36%) e Asia Centrale (da 1,25% a 1,14%), mentre incrementi hanno riguardato America Settentrionale (da 1,83% a 1,91%) e America Centro-Meridionale (da 1,56% a 1,63%). Se Germania e Francia si confermano nel 2017 i principali mercati di sbocco delle vendite di merci, con quote pari, rispettivamente, al 12,5% e al 10,3% delle esportazioni nazionali, gli Stati Uniti si collocano al terzo posto tra i paesi partner, con una quota del 9% (poi seguono Spagna e Regno Unito, entrambi con il 5,2%. In soldoni, tra i principali paesi, i mercati di sbocco più dinamici nel 2017 osservati (cioè aumento della quota sulle esportazioni nazionali pari o superiore a 0,2 punti percentuali rispetto al 2016, spiega l’Istat) sono Cina, Stati Uniti e Russia.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, la Bce ha lasciato i tassi di interesse invariati

La BCE, la Banca centrale europea, ha lasciato invariati i tassi d’interesse. Lo ha reso noto la BCE dopo la riunione di politica monetaria. Il…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel terzo trimestre il Pil è cresciuto del 33,1%

Nel terzo trimestre 2020, il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 33,1%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio statunitense. Si…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: riattivato stato di emergenza attentati

La Francia ha riattivato lo stato d’emergenza relativo agli attentati, secondo  quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: attentato a Nizza nella cattedrale di Notre Dame

Un nuovo attentato in Francia, stavolta a Nizza. Viene riferito di un assalto con coltello avvenuto questa mattina, intorno alle 9, nella cattedrale Notre Dame…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia