Eurozona, ad agosto indice PMI in rallentamento: 54.6 punti dai 55.1 di luglio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Eurozona, ad agosto indice PMI in rallentamento: 54.6 punti dai 55.1 di luglio

Ad agosto l’indice PMI di Markit, che misura l’attività del settore manifatturiero dell’Eurozona, si è attestato a 54.6 punti. Un risultato che mostra un’indebolimento dell’attività rispetto a luglio, quando l’indicatore era a 55.1 punti. Tra le principali economie il dato peggiore è quello italiano, con 50.1 punti, a fronte dei 53 punti della Spagna, dei 53.5 della Francia, dei 53.9 della Grecia, dei 55.9 della Germania, dei 56.4 dell’Austria, dei 57.5 dell’Irlanda e dei 59.1 dei Paesi Bassi. «Per quanto le imprese manifatturiere dell’eurozona – spiega Chris Williamson, Chief Business Economist di IHS Markit – abbiano riportato ad agosto l’ennesimo forte aumento della produzione, tutto ciò potrebbe cambiare a causa della crescita modesta delle nuove commesse, la più bassa degli ultimi due anni, e alle maggiori preoccupazioni sul futuro. Il rallentamento della domanda, rispetto al passo spedito registrato a inizio anno, è stato provocato principalmente dalle commesse estere, che sono aumentate al tasso più modesto in quasi due anni. Tale rallentamento delle esportazioni può essere, in parte, attribuito all’apprezzamento dell’euro in confronto ad inizio anno, anche se le aziende hanno riportato segnali di raffreddamento della domanda e una maggiore avversione al rischio. Le preoccupazioni circa le guerre commerciali e l’effetto negativo sulle tariffe, così come Brexit e altri timori di natura politica, hanno contribuito ad affievolire l’ottimismo sulle prospettive per l’anno prossimo. L’ottimismo delle imprese è il secondo più basso da novembre 2015.Non è sorprendente che in queste condizioni ambientali la creazione di nuovi posti di lavoro sia scivolata ai livelli più bassi degli ultimi diciotto mesi. Un fattore positivo rimane il contenimento dei prezzi, che ha contribuito all’aumento più contenuto dei prezzi di vendita in un anno e che potrebbe contribuire a ridurre l’inflazione dei prezzi al consumo durante i prossimi mesi».

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia