Le due facce della malnutrizione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le due facce della malnutrizione

A livello globale oltre 50 milioni di bambini sotto i cinque anni subisce le gravi conseguenze della malnutrizione acuta. Ma problemi e cause non si limitano a questo...
di Silvia Capone

In occasione della Giornata mondiale dell’Alimentazione, che si è celebrata il 16 ottobre, Save the Children punta il focus e lancia una nuova campagna a favore della lotta alla malnutrizione minorile, sottolineando che nel mondo, a causa della mancanza di cibo adeguato, ogni minuto muoiono cinque bambini sotto i cinque anni, per un totale di settemila. Dal rapporto dell’Organizzazione emerge che, a livello globale, oltre 50 milioni di bambini sotto i cinque anni subisce le gravi conseguenze della malnutrizione acuta, mentre uno su quattro, ovvero 151 milioni di bambini, è classificabile come malnutrito cronico.

Le cause di questa prolungata e grave, carenza di cibo sono imputabili a questioni e problemi sociali quali una forte povertà, siccità, carestie e guerre. Quello che preoccupa è anche gli adulti, infatti in generale il numero di persone che soffrono l’insicurezza alimentare è sempre in aumento, passando da 804 milioni nel 2016 a 821 milioni nel 2017, circa una persona su nove al mondo.

Le conseguenze della malnutrizione e dell’insicurezza alimentare non colpiscono solo i paesi a basso e medio reddito – dove comunque vivono nove bambini su dieci colpiti da malnutrizione acuta -, anche i paesi più industrializzati e sviluppati sono sensibili al tema, seppure in questi casi ha conseguenze diametralmente opposte: in Europa, come negli Stati Uniti, la malnutrizione infantile è correlata all’obesità. In particolar modo, secondo il rapporto redatto dall’associazione Helpcode che si occupa dei diritti dei bambini e dall’istituto pediatrico genovese Giannina Gaslini, in Italia sono un milione e 300 mila i minori che vivono in una condizione di povertà assoluta e quindi non riescono ad avere un’alimentazione adeguata.

Dal rapporto emerge che l’Italia si colloca al secondo posto nel continente europeo per diffusione dell’obesità infantile tra i maschi, il 21% dei bambini italiani, ed al quarto posto per quella femminile, il 14% ne è colpito. La malnutrizione infantile, che apre la strada all’obesità, non è però causata solamente da comportamenti alimentari dettati dalla carenza di cibo, infatti un bambino su tre è in sovrappeso o obeso per colpa di abitudini non corrette ed uno stile di vita troppo sedentario: l’8% dei bambini italiani salta la prima colazione mentre il 33% la fa inadeguata, il 53% fa una merenda troppo abbondante e il 20% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura e invece durante la giornata il 36% consuma ogni giorno bevande zuccherate gassate.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, ISS: «In Italia la prevalenza della variante Delta è al 94,8%»

«In Italia al 20 luglio scorso la prevalenza della cosiddetta “variante Delta” di SARS-CoV-2 era del 94,8%, in forte aumento rispetto alla survey del 22…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Antigone: «Nelle carceri italiane il sovraffollamento è al 113,1%»

Le carceri italiane sono sovraffollate. A denunciarlo è l’associazione Antigone nel suo ultimo rapporto, evidenziando un problema che affligge il nostro Paese da molto tempo.…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green Pass, Lamorgese: «I controlli verranno implementati»

«Green Pass? I controlli ci sono sempre stati ma ora verranno implementati». Così la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo a margine del Comitato sicurezza e…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «Presumibilmente si arriverà ad una terza dose di vaccino»

«In base alle evidenze scientifiche è presumibile che si arriverà a una terza dose, si tratta di capire quale sarà la scadenza per effettuarla». Lo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia