In Francia la benzina è cara, ma in Italia di più (e non è una novità) | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Francia la benzina è cara, ma in Italia di più (e non è una novità)

Qualche dato dopo i giorni di protesta dei gilet gialli contro le politiche di Emmanuel Macron
di Redazione

La protesta dei gilet gialli ha causato non pochi disagi in Francia durante il weekend. Il governo di Parigi ha però ribadito che proseguirà per a sua strada, dunque resta in piedi la carbon tax, che farà scattare con l’anno nuovo l’aumento del prezzo dei carburanti (in verità la misura, nel suo complesso, riguarda anche altre voci e secondo i manifestanti – che protestano contro la diminuzione del potere d’acquisto – è un provvedimento “anti-auto”). In effetti la Francia è uno dei paesi europei dove il costo dei carburanti è più alto.

Secondo i dati di Global Petrol Prices, il prezzo medio per un litro di carburante in Francia è stato di 1.55 euro nel periodo che va da agosto a novembre. Il prezzo medio nel mondo nello stesso periodo è stato di 1.41 euro. Se invece prendiamo in considerazione l’Italia – a proposito di paesi in cui i carburanti sono cari, anche più della Francia – il prezzo medio della benzina (sempre nello stesso periodo) è stato di 1.64 euro, con un minimo di 1.63 euro il 6 agosto e un massimo di 1.67 il 22 ottobre.

Restando ad ottobre, nella composizione dei prezzi rilevati dal MISE si osserva che la voce a pesare di più, neanche a dirlo, è l’accisa. Secondo una recente analisi del Centro Studi ImpresaLavoro, tra il 2008 ed il 2017 il gettito legato alle accise sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi è aumentato notevolmente, passando dai 20,3 miliardi di dieci anni fa a 25,7 miliardi, riportando una crescita in termini percentuali del 26,6% (+5,4 miliardi di euro in termini assoluti).

Sui carburanti, il Centro Studi spiega che la componente fiscale pesa fortemente sul prezzo pagato dai consumatori finali, soprattutto in Italia. Nel nostro paese, infatti, il prelievo statale rappresenta addirittura il 62,9% del prezzo finale della benzina, la terza incidenza più alta dell’UE dopo Olanda, con il 64%, e Grecia, con il 63,2%. In media nell’Unione europea l’incidenza di tasse e accise sul prezzo finale è pari al 59,9%. In generale il prezzo della nostra benzina (pari in media a 1,623 euro al litro nel 2017) è il quarto più alto d’Europa dopo Olanda (con 1,688 euro/l), Danimarca (1,671 euro/l) e Grecia (con 1,624 euro/l). Rispetto alla media europea, il prezzo pagato alla pompa risulta essere più caro dell’11,2%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia