Istat: «Calano a ottobre fatturato e ordinativi dell’industria» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: «Calano a ottobre fatturato e ordinativi dell’industria»

«A ottobre si stima che il fatturato dell’industria diminuisca in termini congiunturali dello 0,5%, dopo la variazione nulla del mese precedente; nella media degli ultimi tre mesi, l’indice complessivo cresce comunque dello 0,3% sui tre mesi precedenti. Gli ordinativi registrano una lieve diminuzione congiunturale (-0,3%); anche in questo caso nella media degli ultimi tre mesi si registra un contenuto aumento (+0,5%) sui tre mesi precedenti. La dinamica congiunturale del fatturato riflette la flessione sia del mercato interno (-0,7%) sia di quello estero (-0,2%). Anche per gli ordinativi la riduzione congiunturale è dovuta a cali, in questo caso di pari entità (-0,3%), delle commesse provenienti da entrambi i mercati. Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a ottobre gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali per i beni di consumo (+1,4%) e per l’energia (+1,6%); la maggiore contrazione si rileva per i beni strumentali (-3,5%). Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di ottobre 2017), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 2,0%, con incrementi dell’1,7% sul mercato interno e del 2,7% su quello estero. Con riferimento al comparto manufatturiero, il settore del coke e dei prodotti petroliferi raffinati registra la crescita tendenziale più rilevante (+15,5%), mentre il comparto dei mezzi di trasporto mostra la flessione maggiore (-11,5%). L’indice grezzo degli ordinativi segna un aumento tendenziale del 2,0%, dovuto all’incremento dell’1,2% per il mercato interno e del 3,0% per il mercato estero. La maggiore crescita tendenziale si registra nell’industria chimica (+7,9%), mentre la diminuzione più marcata si rileva nel comparto dei mezzi di trasporto (-5,1%)». È quanto scritto dall’Istat nella nota Fatturato e ordinativi dell’industria.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, finisce il lockdown a Melbourne. E’ stato il più lungo al mondo

Finisce il lockdown a Melbourne. E’ stato il più lungo al mondo dall’inizio della pandemia di coronavirus. Infatti, la città ha trascorso 262 giorni in…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Visco: “La ripresa è dipendente dal sostegno pubblico”

“Il quadro di ripresa economica, che vede quest’anno una crescita superiore al previsto attorno al 6% e un debito/Pil in riduzione, è uno scenario che…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornata del Risparmio, Mattarella: “Il risparmio delle famiglie contribuirà alla ripartenza”

La giornata del Risparmio è caratterizzata, quest’anno da una ripresa dei ritmi produttivi e dei consumi delle famiglie, alle quali è associata una ripresa degli…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 82,24 dollari al barile e Brent a 85,46 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 83,24 dollari al barile mentre il Brent a 85,46 dollari.…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia