Società in trasformazione: come cambiano le relazioni interpersonali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Società in trasformazione: come cambiano le relazioni interpersonali

Nel Bes 2018, l'Istat rileva un peggioramento della disponibilità di una rete amicale e parentale alla quale fare riferimento. Una breve indagine
di Redazione

Sarà che cambiano le abitudini, che diminuisce o aumenta – spesso sulla base delle condizioni economiche personali o familiari – la quota di tempo libero che riusciamo a dedicare alle nostre attività preferite, sarà che interagiamo molto di più online. Fatto sta, però, che mutano le nostre relazioni sociali. L’Istat, nell’ultima edizione del Rapporto sul benessere equo e sostenibile, rileva un peggioramento della disponibilità di una rete amicale e parentale alla quale fare riferimento: quanti dichiarano di avere parenti, amici o vicini su cui contare passano dall’81,7% all’80,4%, con una flessione che si concentra soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno, che già presentavano i livelli più bassi. Probabilmente non siamo ai livelli temuti in uno studio britannico di parecchi anni fa, che paventava il rischio di una società sempre meno “amica” – da intendersi come la possibilità, per una persona, di considerare qualcuno un amico autentico –, ma che siano avvenute delle trasformazioni nelle relazioni interpersonali è cosa da mettere effettivamente in conto.

A tale trasformazione possono avere contribuito la crisi economica e i recenti stravolgimenti politici – elementi che possiamo anche considerare uno conseguenza dell’altro –, senza dimenticare una crescente alienazione dovuta in parte alla tecnologia che ha modificato le nostre abitudini e i nostri passatempi (smartphone e tablet, tv on demand e videogame, social media, un po’ di queste cose messe insieme). Di recente il Censis ha scattato una fotografia non troppo lusinghiera dell’attuale società italiana, descritta come incattivita e spesso diffidente.

Se alcune analisi hanno messo in luce come le reti amicali siano rimaste stabili nel corso degli anni, dall’altra parte sono spesso risultate in calo le frequentazioni (in particolare è in diminuzione il numero di persone che afferma di frequentare amici tutti i giorni). Nel 2015, da uno studio Tecnè sugli italiani nel pieno della crisi, emergeva tra gli intervistati un 31% che affermava di sentirsi spesso solo, senza alcuna rete familiare o di amici cui poggiarsi, nonostante il 56% si dichiarasse soddisfatto dei rapporti familiari e il 66% delle relazioni di amicizia. Tuttavia, quelli molto soddisfatti, erano solo il 10% e il 20%.

Nel 2017, invece (torniamo ai dati Istat contenuti nel Bes 2018), rimane stabile la soddisfazione per le relazioni familiari: la quota di persone di 14 anni e più che si dichiarano molto soddisfatte si attesta al 33%. Ma peggiora lievemente la soddisfazione (piena) per la rete amicale che passa dal 23,6% al 23,1%. Una precisazione, recuperando dati Istat di inizio anno sulla soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita, riguarda proprio il grado di soddisfazione: quanti nel 2017 – un periodo in cui si stabilizza la percezione di miglioramento per la situazione economica – affermano di essere molto o abbastanza soddisfatti sono l’81,7%, dunque una soglia che resta elevata pur tuttavia registrando una lieve contrazione. Nel complesso, infine, nello stesso anno, la quota di persone che esprimono fiducia negli altri si conferma piuttosto bassa (19,8%), in linea con il dato osservato nel 2016. Mentre continua anche nel 2017 il calo della partecipazione politica (“parlare di politica”, “informarsi”, “partecipare on line”). Dopo la diminuzione di 3,3 punti percentuali già osservata nel 2016 – rileva sempre l’Istat nel Bes 2018 –, il 2017 registra un ulteriore calo di 3,7 punti percentuali, attestandosi così al 59,4%, il valore più basso dal 2011.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia