Influenza stagionale: costi e casi di contagio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Influenza stagionale: costi e casi di contagio

Il picco massimo è previsto tra la seconda e la terza settimana di gennaio. In media ogni anno viene colpito l’8% della popolazione
di Redazione

Secondo gli esperti, l’influenza stagionale non è ancora al suo picco massimo, previsto tra la seconda e la terza settimana di gennaio, nonostante che da inizio anno abbia fatto ammalare in Italia circa 323mila persone solo nella prima settimana del 2019 per un totale di un milione e 800mila casi di sindrome influenzale dall’inizio del periodo epidemica. Date le premesse, si stima che l’influenza stagionale 2018-2019 possa seguire l’andamento dello scorso anno, che è stata la peggiore degli ultimi quindici anni per numero di malati contagiati. In totale l’istituto di sorveglianza epidemiologica dell’Istituto superiore di Sanità prevede che questa sindrome influenzale potrebbe costringere a letto circa 5 milioni di italiani.

In media l’influenza colpisce ogni anno l’8% della popolazione italiana e da quest’inizio di stagione ha già avuto un’incidenza pari a 5,3 casi ogni mille assistiti, con regioni tra cui Piemonte, Lazio, Abruzzo, Campania e Sicilia, le più colpite, nelle quali l’incidenza ha superato i sei casi ogni mille assistiti. La quota degli influenzati varia con l’età, i bambini al di sotto dei cinque anni sono i più a rischio, con un’incidenza nella prima settimana dell’anno di 11,2, che scende a 5,7 casi per mille assistiti se si considerano i giovani, mentre diminuisce notevolmente per gli anziani over 65, i meno colpiti ma anche coloro i quali presentano maggiori casi di complicanze.

I sintomi influenzali, che costringono al riposo, secondo una ricerca condotta dal Cesfar di Verona, in collaborazione con Research & Clinical Governance di Verona e AdRes Health Economics and Outcome Research di Torino, costerebbero ogni anno 10,7 miliardi, 2,1 dei quali a spese del Servizio Sanitario Nazionale, mentre i restanti 8,6 miliardi rappresenterebbero la spesa delle famiglie. La sindrome influenza o simil-influenzale costerà quindi 250 euro annui a famiglia, 27 dei quali dedicati a farmaci e medicinali – mentre il Ssn spende circa 16 euro soprattutto per antibiotici -, a fronte del costo del vaccino di circa 2,4 euro.

Per la società e le famiglie il carico economico maggiore deriva dai costi indiretti dell’influenza, infatti circa l’88% della spesa deriva dalla perdita di produttività e di giorni lavorativi, soprattutto tra i giovani, fattore che fa rivalutare la prevenzione anche per le fasce “più forti”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, record settimanale di casi: due milioni di contagi dal 14 al 20 settembre

Nella settimana dal 14 al 20 settembre 2020, sono stati registrati due milioni di contagi da coronavirus (+2% rispetto alla settimana precedente), un numero record…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel 2019 il Pil è cresciuto dello 0,3%»

«Nel 2019 il tasso di crescita del Pil in volume è pari a 0,3%, con una revisione nulla rispetto alla stima di marzo». Lo ha…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi registrati sono oltre 31,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.343.430 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Referendum per il taglio dei parlamentari, il Viminale: «Ha votato il 53,84% degli aventi diritto»

Il ministero dell’Interno il dato definitivo sull’affluenza per il referendum sul taglio per i parlamentari. Ha votato il 53,84% degli aventi diritto. In quanto confermativo…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia