L’economia (a rilento) dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’economia (a rilento) dell’Eurozona

La crescita più debole troverebbe inoltre conferma nell'attività manifatturiera della Germania, in frenata questo mese
di Redazione

Basti un dato su tutti: l’attività manifatturiera della Germania ha registrato una brusca frenata a gennaio, con l’indice Pmi che si è attestato appena sotto la soglia base dei 50 punti, a 49,9 (a indicare una lieve fase di contrazione). E si sa che se la Germania non ride, l’Europa piange. In definitiva è una spiegazione, seppur minima, della decisione della BCE di di mantenere invariati i tassi d’interesse – cioè su valori minimi (rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al −0,40%) – almeno fino all’estate, «e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine».

Non è certo un segreto che l’economia dell’Eurozona sia in rallentamento. I rischi per le prospettive di crescita nell’area si sono orientati al ribasso «per via delle persistenti incertezze connesse a fattori geopolitici e alla minaccia del protezionismo, alle vulnerabilità nei mercati emergenti e alla volatilità nei mercati finanziari», spiegano a Francoforte.

Nel terzo trimestre del 2018 il PIL in termini reali dell’Eurozona è aumentato dello 0,2% rispetto al periodo precedente, dopo una crescita dello 0,4% nei primi due trimestri. I dati più recenti indicano un’evoluzione più debole rispetto alle attese per via del rallentamento della domanda estera, a cui si aggiungono alcuni fattori specifici a livello di paese e settore.

La fase espansiva, nel breve periodo, potrebbe essere più debole di quanto previsto. E ciò potrebbe avvenire nonostante i rischi possano presto affievolirsi. In prospettiva, precisa ad ogni modo la BCE, «la crescita dell’area dell’euro continuerà a essere sostenuta da condizioni di finanziamento favorevoli, ulteriori incrementi dell’occupazione e un aumento delle retribuzioni, ribassi dei prezzi dei beni energetici, nonché dal perdurare dell’espansione dell’attività mondiale, seppure a un ritmo lievemente inferiore».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia