Lavoro nell’Eurozona, la disoccupazione resta stabile al 7,8% nel mese di gennaio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro nell’Eurozona, la disoccupazione resta stabile al 7,8% nel mese di gennaio

La disoccupazione nell’Eurozona è rimasta stabile a 7,8% nel mese di gennaio rispetto a dicembre 2018 e si tratta del dato più basso dal 2008. Nell’Ue-28 è scesa a 6,5%, dal 6,6% di dicembre.  I tassi più alti in Grecia (18,5%), Spagna (14,1%) e Italia (10,5%), i più bassi in Repubblica Ceca (2,1%) e Germania (3,2%). Anche la disoccupazione giovanile a gennaio è rimasta stabile: 16,5% nella zona euro e 14,9% nella Ue-28. Quella italiana è salita al 33%, dal 32,8% e resta la seconda più alta dopo la Grecia (39,1%). Torna a salire l’inflazione dopo i continui cali registrati da ottobre scorso: a febbraio è all’ 1,5%, in aumento sull’ 1,4% di gennaio.  Guardando alle componenti principali, l’energia ha il tasso più alto (3,5%, rispetto al 2,7% di gennaio), seguita da cibo, alcol e tabacco (2,4%, rispetto all’ 1,8% di gennaio), servizi (1,3%, rispetto a 1,6%) e prodotti industriali non-energetici (0,3%). Lo ha reso noto l’Eurostat.

 

Scrivi una replica

News

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Segnali incoraggianti di rallentamento dell’epidemia»

«Si vedono segnali importanti di rallentamento dell’epidemia in Italia. Alla domanda se siamo arrivati al picco, la risposta potrebbe essere ni», lo ha detto il presidente della…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confesercenti: «Con Omicron e caro-energia ripresa indietro di sei mesi»

Omicron e corsa delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. Così la Confesercenti, spiegando che il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Continuano a salire i prezzi dei carburanti

Prosegue la scia di rialzi dei prezzi praticati dei carburanti. Secondo Quotidiano energia la quotazione media della benzina al distributori è di 1,750 euro al…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abu Dhabi, attentato Huthi con droni: insorti yemeniti filo-iraniani rivendicano attacco

Un attacco aereo eseguito con droni da parte degli insorti yemeniti filo-iraniani Huthi, che lo hanno in seguito rivendicato, ha provocato una serie di esplosioni…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia