Italia e Germania rallentano, ma la Spagna corre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia e Germania rallentano, ma la Spagna corre

Il Paese iberico è quello che è cresciuto di più tra le maggiori economie europee. A confermarlo sono i dati dell’Eurostat relativi al quarto trimestre del 2018.

Di Redazione

Ieri l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha rivisto al ribasso le stime di crescita dell’Eurozona, spiegando che nel corso del 2019 l’economia dell’area crescerà dell’1,1% contro il +1,6% previsto inizialmente. Un rallentamento, sottolineano gli esperti dell’agenzia, legato soprattutto alle performance di Italia e Germania che, rispetto alle altre economie del blocco, stanno soffrendo maggiormente le incertezze internazionali, legata anche alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.  

La Germania, per esempio, non solo ha chiuso il 2018 al di sotto delle attese, arrivando a sfiorare la recessione tecnica nel quarto trimestre (“limitandosi” poi ad una crescita nulla), ma alla fine del 2019 potrebbe rallentare notevolmente: l’IFO prevede un +0,9%, dal +1,1% previsto in precedenza). Ancora più scoraggiante la situazione dell’Italia. Nel 2018 la nostra economia è cresciuta dello 0,9% dal +1,6% del 2017. Un indebolimento legato alle brutte performance che hanno interessato gli ultimi due trimestre dell’anno, quando l’Italia è entrata in recessione tecnica, riportando due variazioni negative consecutive del Pil. Quest’anno potrebbe andare anche peggio: proprio martedì l’ufficio studi d Confindustria ha azzerato la crescita prevista per il 2019. 

La Spagna rappresenta un caso particolare: il Paese iberico è quello che è cresciuto di più tra le maggiori economie europee. A confermarlo sono i dati dell’Eurostat relativi al quarto trimestre del 2018. Tra ottobre e dicembre dello scorso anno, il Prodotto interno lordo spagnolo è cresciuto del 2,6%. E in futuro le cose non dovrebbero cambiare molto: le previsioni della Banca di Spagna, la banca centrale spagnola, sostengono che il PIL dovrebbe aumentare del 2,2% nel 2019 – tanto per farsi un’idea: si tratta di una crescita doppia rispetto a quella attesa per la Germania –, dell’1,9% nel 2020 e dell’1,7% l’anno successivo.

Numeri che sorprendono. Specialmente considerando il passato recente della Spagna, dove la crisi economica ha avuto un impatto negativo impressionante: tra il 2007 e il 2014 sono andati persi 3,8 milioni di posti di lavoro. Senza contare il calo dei salari e la crisi del settore edile.

Non mancano comunque diverse ombre. Vediamo quali. Nonostante la crescita notevole degli ultimi anni – l’economia spagnola è in espansione da cinque anni –, in Spagna si conta ancora il maggior numero di disoccupati dell’Unione europea (alla ricerca di un impiego sono in 3,3 milioni) che si accompagna a uno dei più alti tassi di povertà e il secondo tasso di senza lavoro più alto nell’Ue: 14%. Secondo solo a quello registrato in Grecia.

Paradossalmente è stato proprio il crollo causato dalla crisi economica a permettere le performance degli ultimi anni: dal 2015 in poi l’occupazione è aumentata del 3% circa ogni anno, innescando un aumento dei consumi delle famiglie, che hanno trainato l’aumento del Prodotto interno lordo. A incidere, poi, è stata anche la minore dipendenza dell’economia spagnola dalle esportazioni e che quindi sta risentendo poco delle tensioni commerciali dovute allo scontro tra Stati Uniti e Cina.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia