Italia e Germania rallentano, ma la Spagna corre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia e Germania rallentano, ma la Spagna corre

Il Paese iberico è quello che è cresciuto di più tra le maggiori economie europee. A confermarlo sono i dati dell’Eurostat relativi al quarto trimestre del 2018.

Di Redazione

Ieri l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha rivisto al ribasso le stime di crescita dell’Eurozona, spiegando che nel corso del 2019 l’economia dell’area crescerà dell’1,1% contro il +1,6% previsto inizialmente. Un rallentamento, sottolineano gli esperti dell’agenzia, legato soprattutto alle performance di Italia e Germania che, rispetto alle altre economie del blocco, stanno soffrendo maggiormente le incertezze internazionali, legata anche alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.  

La Germania, per esempio, non solo ha chiuso il 2018 al di sotto delle attese, arrivando a sfiorare la recessione tecnica nel quarto trimestre (“limitandosi” poi ad una crescita nulla), ma alla fine del 2019 potrebbe rallentare notevolmente: l’IFO prevede un +0,9%, dal +1,1% previsto in precedenza). Ancora più scoraggiante la situazione dell’Italia. Nel 2018 la nostra economia è cresciuta dello 0,9% dal +1,6% del 2017. Un indebolimento legato alle brutte performance che hanno interessato gli ultimi due trimestre dell’anno, quando l’Italia è entrata in recessione tecnica, riportando due variazioni negative consecutive del Pil. Quest’anno potrebbe andare anche peggio: proprio martedì l’ufficio studi d Confindustria ha azzerato la crescita prevista per il 2019. 

La Spagna rappresenta un caso particolare: il Paese iberico è quello che è cresciuto di più tra le maggiori economie europee. A confermarlo sono i dati dell’Eurostat relativi al quarto trimestre del 2018. Tra ottobre e dicembre dello scorso anno, il Prodotto interno lordo spagnolo è cresciuto del 2,6%. E in futuro le cose non dovrebbero cambiare molto: le previsioni della Banca di Spagna, la banca centrale spagnola, sostengono che il PIL dovrebbe aumentare del 2,2% nel 2019 – tanto per farsi un’idea: si tratta di una crescita doppia rispetto a quella attesa per la Germania –, dell’1,9% nel 2020 e dell’1,7% l’anno successivo.

Numeri che sorprendono. Specialmente considerando il passato recente della Spagna, dove la crisi economica ha avuto un impatto negativo impressionante: tra il 2007 e il 2014 sono andati persi 3,8 milioni di posti di lavoro. Senza contare il calo dei salari e la crisi del settore edile.

Non mancano comunque diverse ombre. Vediamo quali. Nonostante la crescita notevole degli ultimi anni – l’economia spagnola è in espansione da cinque anni –, in Spagna si conta ancora il maggior numero di disoccupati dell’Unione europea (alla ricerca di un impiego sono in 3,3 milioni) che si accompagna a uno dei più alti tassi di povertà e il secondo tasso di senza lavoro più alto nell’Ue: 14%. Secondo solo a quello registrato in Grecia.

Paradossalmente è stato proprio il crollo causato dalla crisi economica a permettere le performance degli ultimi anni: dal 2015 in poi l’occupazione è aumentata del 3% circa ogni anno, innescando un aumento dei consumi delle famiglie, che hanno trainato l’aumento del Prodotto interno lordo. A incidere, poi, è stata anche la minore dipendenza dell’economia spagnola dalle esportazioni e che quindi sta risentendo poco delle tensioni commerciali dovute allo scontro tra Stati Uniti e Cina.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: nell’ultima settimana ricoveri triplicati tra i bambini

Nell’ultima settimana circa 400 bambini tra i 5 e gli 11 anni sono stati ricoverati a causa del Covid-19. Il dato è triplicato rispetto ai…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Wikileaks: Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Julian Assange, fondatore di Wikileaks, potrà fare ricorso alla Corte Suprema britannica contro la sua estradizione negli Usa. Lo ha deciso l’Alta Corte di Giustizia…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Burkina Faso: i militari hanno arrestato il presidente Kaboré

Il presidente del Burkina Faso, Faso Roch Marc Christian Kaboré, 64 anni, stato arrestato da alcuni militari che hanno fatto irruzione nella sua residenza a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa: “Impatto Covid su educazione e giovani”

“In questo momento, nel quale la pandemia di Covid-19 ha prodotto una crisi dai molteplici aspetti, in particolare un forte impatto sull’educazione e sui giovani, vi invito a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia