Produzione all’estero, perché le imprese delocalizzano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione all’estero, perché le imprese delocalizzano

Principalmente per ridurre il costo del lavoro, spiega l’Istat. Ad ogni modo la quota è scesa nel 2015-2017 rispetto al 2001-2006

di Redazione

Le imprese italiane che delocalizzano? Sono di meno nel 2015-2017 rispetto a quanto avvenne, ad esempio, nel 2001-2006. A renderlo noto è l’Istat: nel periodo considerato soltanto il 3,3% delle medie e grandi imprese ha trasferito all’estero attività o funzioni svolte in Italia, contro il 13,4% del 2001-2006 (in Europa si registra un trend analogo).

Tra le imprese che hanno delocalizzato, spiega l’Istat, il 69,3% ha trasferito all’estero attività o funzioni di supporto dell’attività principale, il 43,4% l’attività principale. Riduzione della pressione fiscale (84,5% delle imprese), politiche per il mercato del lavoro (79%) e incentivi per Innovazione, Ricerca e Sviluppo (70,9%) sono tra i fattori indicati da medie e grandi imprese per scegliere di riportare in Italia attività o funzioni svolte all’estero.

La quota di imprese che hanno riportato in Italia attività o funzioni già trasferite all’estero è pari allo 0,9%, mentre il 62% delle imprese hanno trasferito funzioni aziendali per ridurre il costo del lavoro. Il 38% si è mosso in questa direzione per accedere a nuovi mercati. L’internazionalizzazione ha interessato più diffusamente le imprese industriali (4,2%) rispetto a quelle operanti nel settore dei servizi (2,3%). In particolare, nel settore manifatturiero sono le industrie ad alta e medio-alta tecnologia a trasferire all’estero, con percentuali pari rispettivamente all’8,5% e al 6,6%, osserva l’Istat.

Importante, poi, la dimensione aziendale: delocalizza all’estero il 5,6,% delle grandi imprese contro il 2,9% delle medie e il 4,6% delle imprese appartenenti a gruppi, contro lo 0,6% delle imprese indipendenti.

I fattori che più incidono sulla scelta di trasferire all’estero attività o funzioni aziendali sono, come avevamo già visto, la riduzione del costo del lavoro (fattore considerato “abbastanza importante” o “molto importante” dal 62,2% delle imprese), la riduzione di altri costi d’impresa (48,8%) e la necessità di concentrare in Italia le attività strategiche di “core business” (40,2%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, obbligo di mascherina per tutti i dipendenti della Casa Bianca

I dipendenti della Casa Bianca dovranno indossare nuovamente le mascherine all’interno dell’edificio e in tutta l’area circostante, per prevenire la diffusione del coronavirus. La decisione…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Sale la fiducia dei consumatori a luglio: 116,6. In crescita anche la fiducia delle imprese a 116,3”

“A luglio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fmi: “Italia meglio della Germania: nel 2021 Pil +4,9%”

Il Fondo Monetario Internazionale, ha rialzato le stime di crescita dell’Italia per il 2021 e il 2022. Dopo la contrazione dell’8,9% nel 2020, il pil…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 107 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 107 punti.…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia