Produzione all’estero, perché le imprese delocalizzano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione all’estero, perché le imprese delocalizzano

Principalmente per ridurre il costo del lavoro, spiega l’Istat. Ad ogni modo la quota è scesa nel 2015-2017 rispetto al 2001-2006

di Redazione

Le imprese italiane che delocalizzano? Sono di meno nel 2015-2017 rispetto a quanto avvenne, ad esempio, nel 2001-2006. A renderlo noto è l’Istat: nel periodo considerato soltanto il 3,3% delle medie e grandi imprese ha trasferito all’estero attività o funzioni svolte in Italia, contro il 13,4% del 2001-2006 (in Europa si registra un trend analogo).

Tra le imprese che hanno delocalizzato, spiega l’Istat, il 69,3% ha trasferito all’estero attività o funzioni di supporto dell’attività principale, il 43,4% l’attività principale. Riduzione della pressione fiscale (84,5% delle imprese), politiche per il mercato del lavoro (79%) e incentivi per Innovazione, Ricerca e Sviluppo (70,9%) sono tra i fattori indicati da medie e grandi imprese per scegliere di riportare in Italia attività o funzioni svolte all’estero.

La quota di imprese che hanno riportato in Italia attività o funzioni già trasferite all’estero è pari allo 0,9%, mentre il 62% delle imprese hanno trasferito funzioni aziendali per ridurre il costo del lavoro. Il 38% si è mosso in questa direzione per accedere a nuovi mercati. L’internazionalizzazione ha interessato più diffusamente le imprese industriali (4,2%) rispetto a quelle operanti nel settore dei servizi (2,3%). In particolare, nel settore manifatturiero sono le industrie ad alta e medio-alta tecnologia a trasferire all’estero, con percentuali pari rispettivamente all’8,5% e al 6,6%, osserva l’Istat.

Importante, poi, la dimensione aziendale: delocalizza all’estero il 5,6,% delle grandi imprese contro il 2,9% delle medie e il 4,6% delle imprese appartenenti a gruppi, contro lo 0,6% delle imprese indipendenti.

I fattori che più incidono sulla scelta di trasferire all’estero attività o funzioni aziendali sono, come avevamo già visto, la riduzione del costo del lavoro (fattore considerato “abbastanza importante” o “molto importante” dal 62,2% delle imprese), la riduzione di altri costi d’impresa (48,8%) e la necessità di concentrare in Italia le attività strategiche di “core business” (40,2%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Nato, Draghi: «Richiesta adesione Finlandia e Svezia è una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina»

«È una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina e alla minaccia che rappresenta per la pace in Europa, per la nostra sicurezza collettiva». Così il presidente…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Da Mosca atto ostile, ma no stop a diplomazia»

«È un atto ostile ma non bisogna assolutamente interrompere i rapporti diplomatici». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, commenta, in occasione dell’incontro con la…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia introduce pena di morte per chi prepara atti di terrorismo

La Bielorussia ha introdotto la pena di morte per la preparazione di atti terroristici. Lo ha reso noto l’Interfax.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Non saremo i primi a lanciare un attacco Nucleare»

Il vice primo ministro russo, Yuri Borisov, ha affermato che la Russia non sarà la prima a lanciare un attacco nucleare.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia