Economia fragile, prevale l’incertezza | T-Mag | il magazine di Tecnè

Economia fragile, prevale l’incertezza

«L’indicatore anticipatore ha segnato un’ulteriore diminuzione seppur di minore entità rispetto al mese precedente, suggerendo la persistenza di uno scenario di moderazione dei livelli di attività economica», spiega l’Istat

di Redazione

«L’indicatore anticipatore ha segnato un’ulteriore diminuzione seppur di minore entità rispetto al mese precedente, suggerendo la persistenza di uno scenario di moderazione dei livelli di attività economica». A dirlo è l’Istat, nella consueta nota mensile sull’andamento dell’economia, che sottolinea la fase di incertezza dell’economia italiana. A maggio, ricorda, l’indice del clima di fiducia dei consumatori è tornato ad aumentare dopo tre mesi di cali consecutivi trainato dalla componente economica e da quella corrente. L’aumento della fiducia per il clima futuro è stato più contenuto così come il miglioramento delle attese sulla disoccupazione. Anche il clima di fiducia delle imprese ha registrato un lieve miglioramento, diffuso a tutti i settori. Le imprese manifatturiere hanno evidenziato un miglioramento sia dei giudizi sugli ordini sia delle attese sulla produzione unitamente a una diminuzione del saldo relativo alle scorte di magazzino.

Sul fronte del mercato del lavoro, prosegue l’Istat, ad aprile, il mercato del lavoro ha presentato decisi segnali di stabilità dopo i miglioramenti segnati a marzo. La stima degli occupati, il tasso di occupazione (58,8%), quello di disoccupazione (10,2%) e di inattività (34,3%) si sono mantenuti sugli stessi livelli del mese precedente. Per quanto riguarda l’input di lavoro, i dati trimestrali di contabilità nazionale riferiti al primo trimestre hanno indicato aumenti congiunturali delle ore lavorate (+0,7%) e delle unità di lavoro (+0,4%) superiori a quello del Pil.

La situazione di incertezza dipende anche dalle relazioni commerciali internazionali. I negoziati tra USA e Cina sembrano essere ancora lontani da una risoluzione e quelli relativi ai trattati bilaterali con Giappone e l’Ue restano in una fase preliminare. Nel primo trimestre del 2019, il Pil italiano ha registrato un aumento congiunturale dello 0,1%. La crescita è stata alimentata dal contributo positivo della domanda estera netta e dalla domanda interna. Le scorte al contrario hanno fornito un apporto fortemente negativo. Nel primo trimestre, le ore lavorate sono aumentate a un ritmo superiore a quello del Pil, mentre ad aprile il mercato del lavoro ha presentato complessivi segnali di stabilità. È rallentata l’inflazione al consumo, confermandosi inferiore a quella media dell’area dell’euro anche nella misura di fondo.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, ISS: «In Italia la prevalenza della variante Delta è al 94,8%»

«In Italia al 20 luglio scorso la prevalenza della cosiddetta “variante Delta” di SARS-CoV-2 era del 94,8%, in forte aumento rispetto alla survey del 22…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Antigone: «Nelle carceri italiane il sovraffollamento è al 113,1%»

Le carceri italiane sono sovraffollate. A denunciarlo è l’associazione Antigone nel suo ultimo rapporto, evidenziando un problema che affligge il nostro Paese da molto tempo.…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green Pass, Lamorgese: «I controlli verranno implementati»

«Green Pass? I controlli ci sono sempre stati ma ora verranno implementati». Così la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo a margine del Comitato sicurezza e…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «Presumibilmente si arriverà ad una terza dose di vaccino»

«In base alle evidenze scientifiche è presumibile che si arriverà a una terza dose, si tratta di capire quale sarà la scadenza per effettuarla». Lo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia