Produzione industriale debole ad aprile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione industriale debole ad aprile

L’Istat stima un calo dello 0,7% rispetto a marzo, ma nella media del trimestre la variazione resta positiva

di Redazione

Produzione industriale che torna giù ad aprile 2019 e che in qualche modo sembra confermare il periodo di incertezza che sta caratterizzando l’economia italiana. L’Istat, infatti, stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisce dello 0,7% rispetto a marzo. Tuttavia nella media del trimestre febbraio-aprile, permane una variazione positiva (+0,7%) rispetto al trimestre precedente.

L’indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale, di rilievo, solo per l’energia (+3,6%); diminuzioni si registrano, invece, per i beni strumentali (-2,5%) e, in misura più lieve, per i beni intermedi (-0,7%) e i beni di consumo (-0,5%). Corretto per gli effetti di calendario, ad aprile 2019 l’indice complessivo è diminuito in termini tendenziali dell’1,5% (i giorni lavorativi sono stati 20, contro i 19 di aprile 2018).

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano ad aprile 2019 un aumento tendenziale esclusivamente per l’energia (+3,6%); al contrario, ampie diminuzioni contraddistinguono i beni strumentali (-3,8%) e i beni intermedi (-2,6%), mentre diminuiscono in misura più contenuta i beni di consumo (-0,6%).

I settori di attività economica che registrano variazioni tendenziali positive sono la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+5,8%) e le industrie alimentari, bevande e tabacco (+4,9%). Le flessioni più ampie si registrano nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-8,2%), nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-7,4%) e nella fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (-6,2%).

«Ad aprile – è il commento dell’Istat – si rileva, per il secondo mese consecutivo, una flessione congiunturale della produzione industriale, dopo gli aumenti rilevati ad inizio anno. Nonostante la flessione di aprile, la variazione congiunturale su base trimestrale si mantiene positiva. Tra i principali settori di attività solo l’energia registra un incremento congiunturale ad aprile, mentre i rimanenti comparti mostrano una dinamica negativa, particolarmente accentuata per i beni strumentali. Flessioni tendenziali (al netto degli effetti di calendario) contraddistinguono in modo diffuso l’evoluzione dei settori. Solo l’alimentare e la fornitura di energia contrastano la dinamica negativa degli altri settori, risultando entrambi in sostenuta crescita su base annuale».

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia