Quanto è cresciuto il costo del lavoro in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto è cresciuto il costo del lavoro in Europa

Nel primo trimestre 2019 in aumento del 2,4% nella zona euro e del 2,6% nell’Unione europea, afferma l’Eurostat

di Redazione

Nel primo trimestre 2019, il costo del lavoro orario è cresciuto del 2,4% nella zona euro e del 2,6% nell’Unione europea. L’aumento si registra dopo il dato dell’ultimo trimestre del 2018, in cui l’incremento del costo orario è stato per le due aree in considerazione, rispettivamente del 2,3% e del 2,8%.  Per quanto riguarda i singoli Stati membri, quelli che hanno registrato un incremento maggiore per l’intera economia, su base annua sono stati: la Romania e la Bulgaria, rispettivamente +16,3% e +12,9%, mentre l’unico paese che ha mostrato un decremento, seppur lieve, del costo del lavoro è stata la Grecia, che segna -0,2% rispetto al primo quarto del 2018. A livello settoriale, nella zona euro, l’aumento maggiore è stato del 2,5% del settore industriale, seguito dal +2,3% delle costruzioni e dalla crescita del 2,3% nei servizi.

Il rapporto Eurostat evidenzia che il costo del lavoro si compone dei costi relativi agli stipendi e i costi non salariali, quindi tasse e contributi, e che nell’eurozona il primo è aumentato del 2,5%, mentre la seconda del 2,2%. Mentre nell’Unione Europea il costo orario per stipendi è cresciuto del 2,7%, mentre quello della componente non salariale del 2,1%.

Per quanto riguarda l’Italia la crescita del costo del lavoro è in linea con la media europea, infatti registra la stessa percentuale di crescita del 2,6%. Ma la differenza evidente che si nota è il diverso aumento distribuito nelle due componenti: i salari sono aumentati dell’1,9%, mentre la parte del costo non salariale è risultata in crescita del 4,2%. Relativamente all’Italia, il settore che mostra la crescita maggiore del costo del lavoro orario è l’industria, +3,3%, a cui seguono servizi e costruzioni, rispettivamente 2,6% e 3%.

Sempre oggi, l’istituto di ricerca europeo ha reso noto il report sul tasso di posti di lavoro vacanti nel primo trimestre dell’anno, percentuale che resta stabile sia nell’Eurozona al 2,3% (nel primo trimestre del 2018 si attestava a 2,1%), che nell’UE28 a 2,4% (rispetto al 2,3% dell’anno precedente). Nello specifico degli Stati, il tasso maggiore è stato registrato in Croazia, al 6,4%, e a distanza in Belgio, 3,6%, al contrario i tassi minori sono quelli di Grecia e Spagna, rispettivamente 0,6% e 0,9%. In questa classificazione l’Italia non compare – insieme ad altri paesi quali Francia, Malta e Danimarca – perché non confrontabile con gli altri Stati, poiché come specifica l’Eurostat, per comporre il tasso sono state prese in considerazione solo le imprese con almeno dieci dipendenti.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Draghi: «Richiesta adesione Finlandia e Svezia è una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina»

«È una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina e alla minaccia che rappresenta per la pace in Europa, per la nostra sicurezza collettiva». Così il presidente…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Da Mosca atto ostile, ma no stop a diplomazia»

«È un atto ostile ma non bisogna assolutamente interrompere i rapporti diplomatici». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, commenta, in occasione dell’incontro con la…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia introduce pena di morte per chi prepara atti di terrorismo

La Bielorussia ha introdotto la pena di morte per la preparazione di atti terroristici. Lo ha reso noto l’Interfax.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Non saremo i primi a lanciare un attacco Nucleare»

Il vice primo ministro russo, Yuri Borisov, ha affermato che la Russia non sarà la prima a lanciare un attacco nucleare.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia