Export in risalita ad aprile, diminuisce il surplus commerciale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in risalita ad aprile, diminuisce il surplus commerciale

Crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+0,9%) che per le esportazioni (+0,3%)

di Redazione

Export in lieve crescita nel mese di aprile, così come l’import. L’Istat stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+0,9%) che per le esportazioni (+0,3%). L’aumento congiunturale dell’export è da ascrivere all’incremento delle vendite sia verso i mercati extra UE (+0,4%) sia verso l’area Ue (+0,2%).

Nel trimestre febbraio-aprile 2019, rispetto al precedente, si registra un contenuto incremento delle esportazioni (+0,4%) e una più marcata diminuzione delle importazioni (-1,3%).

Ad aprile 2019 la crescita dell’export su base annua è pari a +5,8% ed è determinata dall’aumento delle vendite registrato sia per l’area extra UE (+6,7%) sia per quella UE (+5,2%). Analogamente le importazioni sono in aumento (+6,7%) sia dai mercati extra UE (+7,4%) sia dall’area UE (+6,1%).

Tra i settori che contribuiscono positivamente alla variazione tendenziale dell’export nel mese di aprile 2019, si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+39,1%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+13,3%) e macchinari e apparecchi n.c.a. (+4,8%). Diminuiscono su base annua gli autoveicoli (-10,2%) e i prodotti petroliferi raffinati (-12,5%).

Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente all’incremento delle esportazioni sono Svizzera (+24,8%), Stati Uniti (+6,1%), Francia (+3,9%) e Germania (+3,0%) mentre si registra una flessione delle vendite verso la Turchia (-15,5%) e i paesi OPEC (-5,1%).

Nei primi quattro mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,9%) è determinato principalmente dalle vendite di prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,2%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+4,4%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+8,0%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+20,5%).

Si stima che il surplus commerciale diminuisca di 101 milioni di euro (da +2.985 milioni ad aprile 2018 a +2.885 milioni ad aprile 2019). Nei primi quattro mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +11.027 milioni (+24.718 milioni al netto dei prodotti energetici).

Nel mese di aprile 2019, si stima una lieve crescita congiunturale dei prezzi all’importazione (+0,5%); su base annua, l’incremento è pari all’1,2%.

«Ad aprile 2019 – è il commento dell’Istat – prosegue la tendenza a una moderata crescita congiunturale dell’export. Nei primi mesi del 2019, rispetto alla fine dell’anno precedente, la dinamica mensile dell’export è più regolare, con tendenza alla crescita, verso l’area Ue, mentre è più variabile verso l’area extra Ue. L’evoluzione tendenziale dell’export ad aprile 2019 è notevolmente differenziata a livello settoriale; l’incremento delle vendite dei prodotti dell’industria farmaceutica verso Stati Uniti e Belgio, della pelletteria verso la Svizzera e dei macchinari e apparecchi verso Stati Uniti e paesi ASEAN trainano la crescita delle vendite all’estero. Su base annua e al netto dell’energia, si registra un lieve aumento dell’indice generale dei prezzi all’importazione (+0,5%)».

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia