Export in risalita ad aprile, diminuisce il surplus commerciale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in risalita ad aprile, diminuisce il surplus commerciale

Crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+0,9%) che per le esportazioni (+0,3%)

di Redazione

Export in lieve crescita nel mese di aprile, così come l’import. L’Istat stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+0,9%) che per le esportazioni (+0,3%). L’aumento congiunturale dell’export è da ascrivere all’incremento delle vendite sia verso i mercati extra UE (+0,4%) sia verso l’area Ue (+0,2%).

Nel trimestre febbraio-aprile 2019, rispetto al precedente, si registra un contenuto incremento delle esportazioni (+0,4%) e una più marcata diminuzione delle importazioni (-1,3%).

Ad aprile 2019 la crescita dell’export su base annua è pari a +5,8% ed è determinata dall’aumento delle vendite registrato sia per l’area extra UE (+6,7%) sia per quella UE (+5,2%). Analogamente le importazioni sono in aumento (+6,7%) sia dai mercati extra UE (+7,4%) sia dall’area UE (+6,1%).

Tra i settori che contribuiscono positivamente alla variazione tendenziale dell’export nel mese di aprile 2019, si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+39,1%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+13,3%) e macchinari e apparecchi n.c.a. (+4,8%). Diminuiscono su base annua gli autoveicoli (-10,2%) e i prodotti petroliferi raffinati (-12,5%).

Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente all’incremento delle esportazioni sono Svizzera (+24,8%), Stati Uniti (+6,1%), Francia (+3,9%) e Germania (+3,0%) mentre si registra una flessione delle vendite verso la Turchia (-15,5%) e i paesi OPEC (-5,1%).

Nei primi quattro mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,9%) è determinato principalmente dalle vendite di prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,2%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+4,4%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+8,0%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+20,5%).

Si stima che il surplus commerciale diminuisca di 101 milioni di euro (da +2.985 milioni ad aprile 2018 a +2.885 milioni ad aprile 2019). Nei primi quattro mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +11.027 milioni (+24.718 milioni al netto dei prodotti energetici).

Nel mese di aprile 2019, si stima una lieve crescita congiunturale dei prezzi all’importazione (+0,5%); su base annua, l’incremento è pari all’1,2%.

«Ad aprile 2019 – è il commento dell’Istat – prosegue la tendenza a una moderata crescita congiunturale dell’export. Nei primi mesi del 2019, rispetto alla fine dell’anno precedente, la dinamica mensile dell’export è più regolare, con tendenza alla crescita, verso l’area Ue, mentre è più variabile verso l’area extra Ue. L’evoluzione tendenziale dell’export ad aprile 2019 è notevolmente differenziata a livello settoriale; l’incremento delle vendite dei prodotti dell’industria farmaceutica verso Stati Uniti e Belgio, della pelletteria verso la Svizzera e dei macchinari e apparecchi verso Stati Uniti e paesi ASEAN trainano la crescita delle vendite all’estero. Su base annua e al netto dell’energia, si registra un lieve aumento dell’indice generale dei prezzi all’importazione (+0,5%)».

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, principe di Svezia e sua moglie sono positivi

Il principe di Svezia, Carlo Filippo (41 anni) e sua moglie, sono risultati positivi al coronavirus. I contagi in Svezia continuano a salire e tra…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «Decisione su sci è di competenza nazionale»

«La decisione sull’attività sciistica è di competenza nazionale, non europea. Occorre prudenza nel revocare le misure anti-Covid perché questo può provocare la recrudescenza del virus».…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 60milioni di casi nel mondo

Sono 60.392.439 i casi di coronavirus accertati a livello globale dall’inizio della pandemia, con 1.421.308  decessi e 38.704.717 guariti. Lo ha reso noto la John…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa oltre 2400 morti nelle ultime 24 ore

Sono oltre 2400 le morti causate negli Usa nelle ultime 24 dal Covid. Si tratta del bilancio peggiore degli ultimi sei mesi. Il Paese ha…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia