Il mercato immobiliare in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato immobiliare in Italia

Secondo l’Istat diminuiscono lievemente i prezzi delle abitazioni nonostante un aumento delle compravendite. Peggiora a giugno la fiducia delle imprese di costruzioni, ma gli agenti immobiliari sono ottimisti

Di Redazione

Secondo gli ultimi dati, ancora provvisori, dell’Istat nel primo trimestre del 2019 l’indice dei prezzi delle abitazioni acquistate dalle famiglie per fini abitativi e di investimento diminuisce dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il calo dell’indice annuo è frutto di una diminuzione significativa dei prezzi delle abitazioni esistenti, che registrano un -1,3%, compensate in parte dai prezzi delle abitazioni nuove, per le quali si registra un aumento su base tendenziale dell’1,7%. Su base congiunturale invece la diminuzione dell’IPAB dipende da entrambi i tipi di abitazione, nuove e esistenti, che diminuiscono rispettivamente di 0,5% e di 0,6%. Rispetto alla media del 2010, anno in cui è iniziata la rilevazione, i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 17,2%.

I dati Istat sull’indice delle abitazioni si manifestano in un mercato residenziale italiano che vive dal 2014 un periodo di espansione delle compravendite del settore immobiliare, come rileva l’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate per quel che riguarda il settore residenziale. Questo nel primo trimestre di quest’anno si riconferma con un tasso del +8,8%, anche se il dato è leggermente inferiore a quello del trimestre precedente, +9,3%. Scomponendo il dato a livello territoriale, il tasso più alto di compravendite si riscontra nel Nord Est e nel Centro Italia, in cui crescono rispettivamente dell’11,8% e del 10,7%.

A completare il quadro del mercato immobiliare gli ultimi dati sui mutui mostrano che contestualmente a giugno 2019 sono stati richiesti in media 1.923 euro a metro quadro, il che equivale ad una diminuzione dello 0,58% rispetto allo stesso mese dello scorso anno – con un solo euro in meno a metro quadro aprile 2019 resta così il mese in cui è stato richiesto il prezzo più basso -. A questi dati si accompagna la fiducia delle imprese di costruzioni, che secondo l’Istat a giugno 2019 è scesa da 144,3 a 140,9 punti. Nonostante ciò le agenzie immobiliari, secondo un’indagine realizzata dalla Banca d’Italia nel primo trimestre dell’anno, si dicono maggiormente ottimiste e restano ampiamente positive su un futuro a medio termine.

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia