Laureati e occupazione: il confronto tra Italia e Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Laureati e occupazione: il confronto tra Italia e Europa

Il nostro paese si colloca molto al di sotto della media europea per numero di occupati a tre anni dalla laurea, secondo dati Eurostat

di Silvia Capone

Nel 2018 il tasso di occupazione dei neolaureati nell’Unione Europea è stato dell’85,5%. Secondo gli ultimi dati diffusi nei giorni scorsi dall’Eurostat, la percentuale di giovani tra i 24 a i 35 anni che a tre anni dalla laurea hanno trovato un impiego, sono in diminuzione di 1,4 punti percentuali dal 2008, ma in aumento rispetto all’84,9% dello scorso anno. 

Approfondendo i dati europei a livello dei singoli paesi si nota che l’Italia è alla penultima posizione, solo il 62,8% dei neolaureati non più impegnati in percorsi di formazione, ha un’occupazione.

Dal rapporto, il confronto tra i paesi membri fa emergere il divario che si evidenzia nettamente tra l’Italia e le economie europee, non solo quelle più avanzate: precede, con oltre 10 punti percentuali di differenza, la Croazia che pur tra gli ultimi posti, può vantare un tasso di occupazione del 75,2%, mentre, un risultato peggiore è ottenuto solo dalla Grecia in cui a tre anni dalla laurea solo il 59% degli ex studenti, ora lavora.

Tra i paesi che dominano la classifica Malta annovera quasi la totalità dei neolaureati come occupati, il 96,7%, seguita dall’Olanda e dalla Germania, rispettivamente 94,8% e 94,3%. Sotto la media europea, ma comunque molto al di sopra della percentuale italiana si osservano due paesi come Francia e Spagna, in cui la percentuale media di occuparti scende a 88,4% e 77,9%. Non spiccano particolarmente, invece, Regno Unito, Finlandia e Danimarca, tutte tra l’88,7% e l’88,4%. Un risultato migliore è ottenuto dai paesi dell’est: Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania, Estonia, Polonia e Romania possono tutte contare su un alto tasso di laureati occupati, tutti sopra l’88,9%.

Il problema dell’Italia che riguarda il tasso di occupazione tra i neolaureati, si riversa anche sulla scelta a monte dei giovani italiani. Infatti l’Italia è alla penultima posizione, non solo per i neolaureati occupati, ma anche per quel che riguarda la percentuale giovani laureati al 2017 (anche se i dati nazionali evidenziano una continua ma recente crescita delle immatricolazioni), che è del 26% – prima solo della Romania 25% -, di contro ad una media europea del 39%.

Anche in questo caso è evidente il confronto con le economie più vicine, come Francia e Spagna, che rispettivamente hanno una percentuale di giovani che hanno conseguito una laurea del 44 e del 42%. In generale tra i paesi membri le percentuali più alte sono di Cipro, Lituania e Irlanda. 

A livello generale i dati Eurostat mostrano che oltre un terzo dei laureati europei nel 2016 ha conseguito il titolo in scienze sociali, giornalismo, informazione, economia o legge. Percentuale molto simile per l’Italia in cui tre laureati su dieci ha ottenuto la stessa laurea.

I laureati europei, come quelli italiani, in ingegneria, costruzione e produzione sono poco meno del 15% del totale, invece coloro che hanno scelto materie scientifiche, matematiche e statistiche sono stati in Italia l’8,4%, rispetto ad una media europea dell’11%.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Scholz: «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà»

Il presidente russo Vladimir «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà» in Ucraina. Così il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, intervenendo al World…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Draghi: «Siamo qui per fare quello che serve all’Italia»

«Condivido molto il titolo che avete scelto per il vostro congresso. “Esserci per cambiare”, una frase che racchiude il senso di questo governo». Lo ha…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Moody’s taglia le stime di crescita dell’economia mondiale per il 2022 e il 2023

Nel 2022 e nel 2023, l’economia mondiale crescerà meno del previsto. Lo sostiene l’agenzia di rating Moody’s, rivedendo al ribasso le stime di crescita delle…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex presidente del Consiglio Ciriaco De Mita. Aveva 94 anni

È morto giovedì mattina nella casa di cura Villa dei Pini di Avellino Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio e segretario della Democrazia Cristiana.…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia