Ebola, dichiarato lo stato di Emergenza Internazionale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ebola, dichiarato lo stato di Emergenza Internazionale

L’OMS precisa che la misura «riconosce il possibile aumento del rischio nazionale e regionale»

di Redazione

L’epidemia di Ebola ora copre un’area di 500 chilometri quadrati – per gran parte nella Repubblica Democratica del Congo – e da quando si è diffusa nell’agosto del 2018 ha infettato oltre 2.500 persone uccidendone quasi 1.700.

Per questo ieri (mercoledì 17 luglio) l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato lo stato di Emergenza Internazionale di Salute Pubblica. A far scattare l’allarme dell’OMS è stato anche l’arrivo per la prima volta dell’epidemia in una grande città. Si tratta di Goma, città congolese con oltre duecentomila abitanti al confine con il Rwanda, dove ieri è morto un pastore infettato e si contano altri 22 casi sospetti.

«C’è grande preoccupazione», spiega il Direttore del comitato Robert Steffen specificando però che l’epidemia in corso «non costituisce un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale», ma che la «dichiarazione (dello stato di Emergenza Internazionale ndr.) è una misura che riconosce il possibile aumento del rischio nazionale e regionale, e il bisogno di una azione coordinata e intensificata per gestirlo».

Sulla questione si è espresso anche il direttore generale dell’OMS Thedros Adhanom Ghebreyesus, il quale ha sottolineato che «nessun paese dovrebbe chiudere i propri confini o porre restrizioni ai viaggi o ai commerci. Queste misure sono implementate di solito in base alla paura e non hanno basi scientifiche». «È tempo che il mondo prenda coscienza e raddoppi gli sforzi. Dobbiamo lavorare insieme in solidarietà con il Congo per mettere fine all’epidemia e costruire un sistema sanitario migliore».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In una settimana nel mondo 9mila decessi: calo del 21%»

«Dal 9 maggio al 15 maggio, dopo il continuo calo registrato da fine marzo, i nuovi casi settimanali di Covid-19 nel mondo si sono stabilizzati…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Kiev: «Cessate il fuoco impossibile senza il ritiro delle truppe russe»

«Non offriteci un cessate il fuoco, questo è impossibile senza il ritiro totale delle truppe russe. La società ucraina non è interessata a una nuova “Minsk”…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Solo l’Ucraina deciderà che pace accettare»

«L’Italia si muoverà a livello bilaterale e insieme ai partner europei e agli alleati per cercare ogni possibile opportunità di mediazione ma dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro,…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: «Benvenute Svezia e Finlandia, con voi Nato più sicura»

«Lo dico senza esitazione: cari amici di Svezia e Finlandia, siete i benvenuti! Con voi la Nato e L’Europa saranno più forti e sicure». Lo ha…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia