L’industria ancora in affanno, a luglio giù fatturato e ordini | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’industria ancora in affanno, a luglio giù fatturato e ordini

Fatturato in calo in termini congiunturali dello 0,5%, sintesi delle diminuzioni su entrambi i mercati: -0,6% per quello interno, -0,4% per quello estero

di Redazione

Nel mese di luglio, l’Istat stima per il fatturato dell’industria una diminuzione in termini congiunturali dello 0,5%. «Su base trimestrale mobile l’indice complessivo mostra una contenuta crescita (+0,3%) rispetto alla media dei tre mesi precedenti», aggiunge l’Istat.

Anche gli ordinativi registrano a luglio un calo congiunturale (-2,9%), mentre nella media degli ultimi tre mesi si rileva un modesto aumento congiunturale (+0,1%). La dinamica congiunturale negativa del fatturato -spiega l’Istat – riflette cali mensili su entrambi i mercati: -0,6% è la flessione registrata dal mercato interno e -0,4% quella rilevata per il mercato estero. Per gli ordinativi la diminuzione congiunturale deriva da una marcata contrazione delle commesse provenienti dal mercato interno (-4,2%) e da una più modesta di quelle provenienti dall’estero (-0,8%).

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a luglio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 3,1% per l’energia e dello 0,2% per i beni di consumo; variazioni negative si rilevano per i beni intermedi (-0,3%) e per i beni strumentali (-2,4%). Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di luglio 2018), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dello 0,6%, con cali dello 0,8% sul mercato interno e dello 0,3% su quello estero.

Nell’ambito del comparto manufatturiero, il settore alimentare registra la crescita tendenziale più rilevante (+4,9%), mentre l’industria farmaceutica mostra il calo maggiore (-10,9%). In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi diminuisce dell’1%, sintesi di un leggero aumento sul mercato interno (+0,3%) e di un marcato calo su quello estero (-2,9%). La maggiore crescita tendenziale si registra nelle apparecchiature elettriche (+8,8%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria dei mezzi di trasporto (-11,9%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 72,14 dollari al barile e Brent a 74,87 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 72,14 dollari al barile e Brent a 74,87 dollari al barile.…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 105 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 105 punti.…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 194,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 194.337.614. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, tornano a crescere i ricoveri tra i positivi

L’aumento dei contagi, registrato negli ultimi giorni a causa della variante Delta – più contagiosa e aggressiva rispetto alle precedenti varianti – si sta riflettendo…

26 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia