Lavoro e maternità, donne ancora penalizzate in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro e maternità, donne ancora penalizzate in Europa

Che sia temporaneamente o definitivamente, nel vecchio continente sono perlopiù le donne a lasciare il lavoro per stare con i figli

di Redazione

Secondo la Survey europea sulle forze di lavoro, nel 2018 il 17% della popolazione occupata, o con una precedente occupazione, ha segnalato un’interruzione dal lavoro di almeno sei mesi per prendersi cura dei figli nel corso della propria vita, mentre il 42% sostiene di non aver avuto periodi di stop dal lavoro per questi motivi. Nella classifica europea Estonia e Lituania riportano la quota più alta di interruzione dal lavoro, in entrambe il 35% della popolazione occupata, seguiti dalla Bulgaria con il 33% degli occupati. Mentre i livelli medi più bassi si hanno a Malta, dove solo il 6% ha temporaneamente lasciato il lavoro. In Spagna e Portogallo, appena il 7% degli occupati prende una pausa da lavoro per assistere i figli.

È doveroso sottolineare che anche in questi paesi la media nazionale è bassa perché influenzata dalla percentuale praticamente nulla degli uomini che lasciano il lavoro per i figli, nonostante il gap tra uomini e donne in Spagna sia il più basso registrato in Europa, questo è comunque di 14 puti percentuali. Mentre raggiunge una differenza di 66 punti in Estonia e 67 in Bulgaria, paesi in cui il tasso di donne che lasciano temporaneamente il lavoro per i figli è rispettivamente del 68% e 67%. Il livello aggregato rispecchia benissimo il gap: se la media è del 17%, si deve precisare che analizzando il dato per genere il 33% delle donne sta a casa e solo l’1% degli uomini. In nessun paese europeo la media maschile supera il 4%, l’unica eccezione in Svezia dove il 13% dei papà ha rinunciato ad almeno sei mesi di lavoro per assistere ai figli.

Per quanto riguarda l’Italia a fronte di una media di circa l’11% degli occupati che lascia il lavoro per i figli, il livello delle donne che restano a casa per lo stesso motivo è del 21%. Senza dimenticare chi è “costretta” a rinunciare al proprio posto di lavoro. Secondo l’Ispettorato del lavoro, nel 2018, le dimissioni e le risoluzioni consensuali di mamme di bambini fino a tre anni sono state 35.963, le quali hanno riportato come motivazione principale quella dell’incompatibilità tra il lavoro e l’esigenza di cura dei figli, seguita dall’assenza di parenti di supporto e dagli elevati costi di cura sostitutivi come asili nido o baby sitter.

Nonostante non sia ancora sdoganata la cura dei figli come compito a carico della donna, il report dell’Ispettorato mostra segnali di miglioramento sul fronte dell’uguaglianza di genere (ma non su quello lavorativo): è aumentato rispetto al 2017 il numero di risoluzioni dei neopapà, che sono state lo scorso anno 13.488.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia