Le attività estrattive da cave e miniere in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le attività estrattive da cave e miniere in Italia

Rispetto al 2016 si registra una lieve flessione del numero di siti estrattivi autorizzati (-2,3%), che complessivamente sono 5.154 nel 2017. I dati Istat

di Redazione

Nel 2017 sono rilevati complessivamente 5.154 siti estrattivi autorizzati, dichiarati attivi o non attivi nell’anno di riferimento dalle Istituzioni pubbliche locali che rilasciano le autorizzazioni alla coltivazione. Di tali siti, 5.024 sono cave e 130 miniere. Rispetto al 2016 si registra una lieve flessione del numero di siti estrattivi autorizzati (-2,3%). A riferirlo è l’Istat, nel report sulle attività estrattive da cave e miniere in Italia. Sono 4.475 – viene spiegato nella nota – i siti estrattivi attivi (-4,4% rispetto al 2016) e 1.810 i comuni interessati dalla presenza di almeno uno di tali siti. In quasi il 47% di questi comuni sono presenti da 2 a 5 siti estrattivi attivi. Le cave attive sono 4.368, di cui 2.125 sono cave produttive. Delle 130 miniere autorizzate, solo 71 svolgono attività di estrazione nell’anno osservato.

Foto di Free-Photos da Pixabay

Nel 2017 in Italia sono stati estratti complessivamente da cave e miniere 163,9 milioni di tonnellate di risorse minerali non energetiche solide (-2,3% rispetto al 2016, circa 3,9 milioni di tonnellate in meno). Le risorse minerali da cave (149,1 milioni di tonnellate) rappresentano quasi il 91% dei prelievi nazionali, segnando una flessione del 3,3% rispetto al 2016 e del 17% rispetto al 2013 (primo anno di rilevazione Istat dei dati sui prelievi di risorse naturali non rinnovabili).

Risultano in aumento le estrazioni da miniere (+8,4%) che raggiungono i 14,8 milioni di tonnellate. Ad eccezione del Nord-ovest (-3,6%), tutte le altre aree del Paese sono interessate da una crescita dei prelievi rispetto al 2016, che risulta più significativa al Sud (+39%) a causa della presenza di nuovi siti in produzione di feldspati in Calabria, e al Centro (+14,6%) per la ripresa di estrazioni di fluorite nei siti minerali del Lazio (+22,7 %) e della marna da cemento in Umbria (+23%).

Sempre nel periodo di riferimento, le estrazioni di acque minerali utilizzate a fini di produzione ammontano complessivamente a circa 16,6 milioni di metri cubi, in aumento del 2,7% rispetto al 2016. I prelievi si concentrano (54% del totale nazionale) al Nord (9 milioni di metri cubi, -2,2% rispetto al 2016). I volumi estratti crescono nelle Isole (+43%) grazie all’aumento dei prelievi della Sardegna (passando da 233,5 mila metri cubi del 2016 a 519,8 del 2017) che dipende dall’acquisizione di dati sui siti minerari non pervenuti nella precedente edizione della rilevazione.

Nel 2017 in aree a terra e in mare, sono stati estratti dal sottosuolo 184,7 milioni di tonnellate di risorse minerali, costituiti da 180,6 milioni di tonnellate di minerali non energetici solidi e liquidi e 4,1 milioni di tonnellate di minerali energetici. Le estrazioni di gas naturale che, avendo una diversa unità di misura, sono considerate a parte, si attestano sui 5,7 miliardi di metri cubi Standard (prelevati per il 66,4% in zone marine).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Olanda, si dimette la ministra degli Esteri

Sigrid Kaag, ministra degli esteri dell’Olanda, si è dimessa in seguito alla decisione della camera bassa del Parlamento che ha approvato una mozione contro il…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, secondo i sondaggi cala l’approvazione all’operato di Joe Biden

Secondo i sondaggi americani, l’approvazione all’operato di Joe Biden è scesa a settembre al 45% rispetto al 54% di aprile. A pesare è la decisione…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rientrati i tre astronauti cinesi dopo la missione record di tre mesi

Sono rientrati i tre astronauti cinesi partiti lo scorso giugno per la stazione spaziale Tiangong. La loro missione è durata tre mesi ed è stata…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: “Serve una Difesa europea”

“Il ritiro Usa dall’Afghanistan e l’accordo per la fornitura di sottomarini nucleari all’Australia da parte di Usa e Gb mostrano l’urgenza di lanciare una vera…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia