La protezione ambientale e la “svolta green” in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

La protezione ambientale e la “svolta green” in Europa

La responsabilità verso l’ambiente è ormai sinonimo di creazione di valore per superare la crisi e affrontare al meglio le sfide del futuro

di Redazione

Secondo l’Eurostat nel 2018 la spesa per la protezione ambientale degli Stati membri ammontava a 297 miliardi, valore che fa segnare una crescita media annua del 2% e complessivamente un aumento del 22% dal 2006. In rapporto al Pil, la spesa media europea per la protezione ambientale è rimasta pressoché simile: dal 2% del 2006 all’1,9% registrato lo scorso anno. Dal rapporto emerge che la spesa nazionale per la protezione ambientale è minore di quel che le famiglie spendono per tabacco, bevande alcoliche e stupefacenti.

La spesa nazionale considerata dall’Eurostat è calcolata come la somma della spesa corrente per le attività di protezione ambientale più gli investimenti in questo tipo di attività e i trasferimenti netti verso il resto del mondo, di amministrazioni pubbliche, società, enti no profit e famiglie. A coprire la quota maggiore dei 297 miliardi sono le società, con circa il 54% della spesa totale, le amministrazioni pubbliche e le istituzioni no profit provvedono per il 24%, mentre le spese delle famiglie ammonta al 22% della spesa totale. Tra il 2006 e il 2018 la quota della spesa delle famiglie è aumentata del 50%, a testimonianza della maggiore attenzione dei cittadini verso il tema ambientale e dell’efficacia della comunicazione dell’importanza della protezione. Secondo i più recenti dati dell’Ocse, riferiti al 2016, l’Italia destinava alla protezione ambientale lo 0,9% della spesa pubblica, quindi meno di 16 miliardi di euro, il dato percentuale di per sé esiguo, risulta però adeguato se confrontato con quello di altri paesi europei: la Francia destinava l’1% del Pil, mentre peggio del nostro paese, in termini percentuali, al 2016: Germania, 0,6%, Inghilterra e Spagna rispettivamente 0,7% e 0,85% del Pil.

In generale, negli ultimi anni la svolta green è messa in pratica da tutti gli attori e anche i mercati si adeguano a questo framework orientando i flussi di capitale verso soluzioni e investimenti green. Una delle idee promosse è quella secondo cui la responsabilità ambientale è sinonimo di creazione di valore e metodo per superare la crisi e affrontare al meglio le sfide del futuro. In quest’ottica: solo quest’anno 300 mila aziende italiane hanno puntato sulla sostenibilità, segnando un nuovo record del livello degli investimenti. Secondo il decimo rapporto GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere, la scelta è stata accompagnata da un conseguente maggior dinamismo, infatti il 51% delle imprese manifatturiere eco-investitrici hanno segnalato nel 2018 un aumento dell’export, contro il 38% di quelle che non hanno investito. Stando al rapporto GreenItaly, la svolta ecofriendly è realmente sinonimo di crescita come testimoniano i dati sul lavoro, secondo cui in Italia ci sono 3,1 milioni di green job, ovvero tutte quelle figure professionali che che sono collegate si servizi e alle industrie di stampo ecologico, che rappresentano il 13,4% degli occupati, cresciuti in un anno di oltre 100 mila unità, incremento del 3,4% rispetto allo 0,5% degli altri settori professionali.

Non solo occupazione, la ricerca pubblicata sulla rivista Nature Climate Change mostra le ripercussioni in termini di costi sul debito pubblico, stimando che i cambiamenti climatici possono minare la stabilità del sistema finanziario poiché i danni alle infrastrutture causati da eventi ambientali estremi e il calo della produttività delle imprese potrebbero far aumentare i fallimenti delle banche, mentre il salvataggio di quelle insolventi costerebbe ai governi tra il 5 e il 15% del Pil l’anno. 

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il virus non è sparito, sono previste nuove ondate»

«Anche se il lockdown è stato abolito in molti paesi, bisogna continuare a mantenere il distanziamento e isolarsi immediatamente se ci si ammala». Lo ha…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 101mila morti negli Stati Uniti

Continuano a salire i casi di contagio negli Stati Uniti, dove i casi totali sono oltre 1,7 milioni e i decessi hanno superato quota 101mila.…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 360mila morti in tutto il mondo

Sono oltre 360mila i morti da coronavirus in tutto il mondo, dove si contano anche 5,8 milioni di casi. Lo ha reso noto la Johsn…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Inflazione maggio -0,1%. Prima volta dal 2016»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di maggio 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia