Plastic tax, i possibili effetti (e il confronto europeo) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Plastic tax, i possibili effetti (e il confronto europeo)

Oltre all’intenzione della tutela ambientale, quali potrebbero essere le conseguenze per aziende e consumatori? 

di Redazione

Tra gli emendamenti della manovra approvati dalla Commissione di Bilancio del Senato la scorsa settimana, èpresente anche quello relativo alla plastic tax che sarà adottata in modo rivisitato rispetto a come era stata presentata dal Governo. L’imposta, che entrerà in vigore a luglio, è stata approvata passando da un euro a 45 centesimi al chilo e sarà applicata su tutti i prodotti monouso, anche il tetrapak, mentre sono esclusi i prodotti in plastica riciclata e quelli composti da più materiali che contengano però una quantità di plastica inferiore al 40%.

L’intento di tassare la plastica monouso e alcuni imballaggi è quello di evitarne un uso massiccio, quindi tenta di modificare l’abitudine di consumatori e produttori (per le imprese attive nel settore sarebbe previsto un credito di imposta per l’adeguamento tecnologico), al fine di ridurre la quantità di rifiuti e l’inquinamento.

Incentivare l’utilizzo di prodotti alternativi alla plastica usa e getta, potrebbe però avere effetti negativi non solo direttamente sull’industria del settore, ma anche sui consumatori e le imprese indirettamente coinvolte. Secondo il presidente della Coldiretti Prandini, il provvedimento rischia di «penalizzare l’intera filiera agroalimentare dove si concentra il 76% degli imballaggi in plastica» e «l’obiettivo di riduzione della plastica va perseguito nell’ottica di una visione strategica ad ampio respiro con incentivi premianti per lo sviluppo e la ricerca piuttosto che con misure punitive».

Pareri e conseguenze negative sono state espresse anche da Confindustria che sottolinea come la manovra, con riferimento alla plastic tax, «non comporta benefici ambientali, penalizza i prodotti e non i comportamenti rappresenta unicamente un’imposizione volta a recuperare risorse generando nell’immediato ingenti costi a carico di consumatori, lavoratori e imprese». Infatti secondo le stime fornite dal direttore generale di Confindustria, l’impatto dell’emendamento sulla spesa delle famiglie sarà di circa 109 euro – le previsioni erano però state pubblicate riferendosi all’importo precedente-, determinando un aumento medio del 10% del prezzo dei prodotti di larghissimo consumo. Confindustria però, comprendendo il danno ambientale, sottolinea la necessità di adeguare gli impianti presenti in Italia e puntare concretamente su misure che incentivino la ricerca e lo sviluppo del riciclo. I timori riguardo la spesa che le aziende possano far pesare sui consumatori vengono espressi anche da Federconsumatori e dal Codacons, che in modo più negativo stimano rispettivamente un aumento per le famiglie che potrebbe arrivare a 138 e 165 euro.

Il provvedimento italiano si ispira e fa riferimento alla direttiva europea di giugno che mirava a promuovere la riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica. Al momento la proposta di imporre una tassa di 80 centesimi per ogni chilo di plastica di imballaggi non riciclabili è sul tavolo del Consiglio europeo e secondo le previsioni della Commissione potrebbe portare ogni anno entrate per 6,6 miliardi di euro. 

La plastic tax non è l’unico caso, già nel 2018 con l’introduzione del costo dei sacchetti di plastica, l’Italia aveva recepito una direttiva europea che aveva ampiamente fatto discutere. A livello comunitario, il nostro paese non è quindi l’unico a prevedere una tassazione sulla plastica: per esempio in Belgio la tassa è di 3,6 euro al chilo per le posate monouso, mentre è di tre euro per le buste, in Danimarca i prodotti da imballaggio sono tassati ad un euro se contengono plastica riciclata e 1 e 70 in caso di non riciclata, in Francia l’imposta è sulla singola busta, sei centesimi, così come in Irlanda , dove ammonta a 22 centesimi. 

 

1 Commento per “Plastic tax, i possibili effetti (e il confronto europeo)”

  1. […] che per le imprese. La prima che entrerà in vigore, più volte discussa e modificata, è la plastic tax che prevede da luglio un’imposta di 45 centesimi al chilo per alcuni prodotti in plastica […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 45,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 45.179.529. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Nizza, gruppo tunisino rivendica attacco

La procura antiterrorismo di Tunisi ha aperto un’inchiesta dopo che un sedicente gruppo terroristico “Al Mahdi nel sud della Tunisia” ha rivendicato, tramite un post…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di contagi in Svizzera: 9mila nelle ultime 24 ore

La Svizzera nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 9mila nuovi casi e 52 decessi. A riferirlo sono state le autorità sanitarie alle prese con…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la Francia torna in lockdown

La Francia è tornata in lockdown, ma a differenza di quello primaverile, questa volta rimarranno aperte le scuole, gli uffici, le fabbriche e tutto il…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia