Opportunità e posti vacanti, le due facce del mercato del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Opportunità e posti vacanti, le due facce del mercato del lavoro

L’Italia è agli ultimi posti del LinkedIn Opportunity Index per quanto riguarda l’accesso alle opportunità nel mondo del lavoro

di Redazione

Secondo il LinkedIn Opportunity Index 2020, una ricerca che si pone come obiettivo quello di capire come le persone percepiscono le opportunità, ciò che vorrebbero nella vita e gli ostacoli alla realizzazione. In generale le opportunità legate al lavoro sono le più ricercate e nello specifico, tra queste, trovare un buon equilibrio tra vita privata e vita lavorativa, fare ciò che amano e al terzo posto la sicurezza lavorativa.

L’indice elaborato da LinkedIn, che si basa sulle interviste condotte in 22 paesi nel mondo su oltre 30 mila adulti di età tra i 18 e i 65 anni, non si limita ad analizzare l’ambito lavorativo. La ricerca mostra che a livello globale il “vivere bene” è associato a godere di una buona salute, avere un’indipendenza finanziaria e avere una relazione appagante con il partner, mentre gli aspetti più importanti per la realizzazione personale sono impegnarsi nel proprio lavoro, essere disponibili ad accettare i cambiamenti e avere una giusta rete sociale.

Si nota quindi che l’aspetto lavorativo è quello predominante. Inoltre l’impegno nel lavoro è al primo posto per tutti gli stati europei meno che la Germania e la Svizzera. Per quanto riguarda l’Italia, in linea con il resto del mondo, il lavoro ha un ruolo centrale nella vita, ma a causa della situazione attuale del mercato, il paese è alla ventesima posizione su 22 nell’Opportunity Index: per quanto riguarda gli indicatori specifici delle opportunità, l’Italia è ultima per la sezione “opportunità nel mercato del lavoro” e penultima – davanti solo al Giappone – per la “fiducia nel successo”. 

Nonostante i risultati rispetto alle opportunità lavorative non siano particolarmente ottimisti, gli italiani sono comunque fiduciosi sulle proprie capacità e, infatti, dalla ricerca emerge che impegnarsi nel proprio lavoro e ottenere un buon livello di istruzione siano le basi per poter superare le barriere e realizzarsi nella vita. In linea con il resto del mondo, anche gli italiani cercano opportunità legate al mercato del lavoro che con la fiducia che ancora hanno nelle proprie possibilità dovrebbero andare a colmare il gap rilevato oggi dall’Istat, del tasso di posti vacanti, ovvero “l’altro lato” del mercato del lavoro: i posti di lavoro per i quali il datore cerca attivamente un candidato adatto e che nel quarto trimestre del 2019 risulta essere dell’1,1% (stabile all’1% nel settore industriale e in aumento all’1,3% nei servizi).

 

Scrivi una replica

News

Inps: «Rinvio di due mesi per il pagamento dei contributi dei lavori domestici»

«Rinvio di due mesi a causa dell’emergenza coronavirus per il pagamento dei contributi dei lavoratori domestici da parte dei datori di lavoro per il primo…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Le Maire: «Francia verso la peggiore recessione dal 1945»

Bruno Le Maire, ministro dell’Economia francese, ha dichiarato che la Francia nel 2020 registrerà la sua peggiore recessione economica dalla fine della Seconda guerra mondiale.…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a Wuhan riparte il 90% delle imprese

Il vice sindaco esecutivo di Wuhan, Hu Yabo, ha reso noto che nella città focolaio del coronavirus il 97% delle imprese è ripartito. «Il ritorno…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel monde oltre 1,2 milioni di casi e oltre 70mila morti

Nel bollettino della Johns Hopkins University emerge che i casi di Sars-CoV-2 nel mondo sono più di 1,2 milioni. Le morti invece hanno superato quota…

6 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia