Emergenza sanitaria ed economica, il governo stanzia 25 miliardi di euro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Emergenza sanitaria ed economica, il governo stanzia 25 miliardi di euro

Per il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, «è prematuro indicare il livello di deficit effettivo raggiunto perché un conto è un’autorizzazione di utilizzare fino a una certa cifra e un conto è quello che verrà effettivamente utilizzato»

di Redazione

Il governo, per fronteggiare l’emergenza coronavirus, ha stanziato 25 miliardi di euro. Una cifra salita notevolmente rispetto a quelle ipotizzate nell’arco delle ultime settimane: all’arrivo dell’epidemia in Italia si parlò infatti di 3,6 miliardi, per poi salire a 6,3 e a 15 miliardi nei scorsi giorni.

«Abbiamo appena deliberato lo stanziamento di una somma straordinaria, 25 miliardi, consapevoli delle difficoltà che il Paese sta affrontando per questa emergenza», ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a margine del Consiglio dei ministri. «Venticinque miliardi – ha poi spiegato, fiancheggiato dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri e dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo – di disponibilità finanziarie da non utilizzare subito ma sicuramente da poter utilizzare per far fronte a tutte le difficoltà che stiamo affrontando per un’emergenza che è sia sanitaria sia economica e ha un importante impatto sociale».

Entrando nel dettaglio, il ministro Gualtieri ha evidenziato che le risorse stanziate verranno utilizzate in parte nel primo decreto «che sarà approvato probabilmente venerdì e dovrebbe grosso modo avere a disposizione 12 miliardi e le altre costituiscono una riserva per possibili futuri interventi, da realizzare in un quadro europeo».

Infatti, ha poi precisato, attualmente è difficile indicare il livello di deficit «effettivo raggiunto perché un conto è un’autorizzazione di utilizzare fino a una certa cifra e un conto è quello che verrà effettivamente utilizzato». Oltretutto, alcuni di questi interventi potranno usufruire di risorse europee e quindi alleggerire l’impatto delle misure sul bilancio dello Stato. La priorità, secondo il ministro Gualtieri, intervenuto in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Sanato, «è potenziare la risposta del servizio sanitario».

Nella conferenza stampa post Cdm ha poi preso la parola la ministra del Lavoro che ha assicurato che il dicastero sta «preparando ed elaborando norme che vadano a tutele di famiglie e imprese con ammortizzatori sociali, una cassa in deroga speciale che vada a tutelare tutti i lavoratori indipendentemente dal settore cui appartengono su tutto il territorio nazionale. Ci saranno congedi parentali speciali o in alternativa il voucher babysitter e poi norme su stagionali e autonomi con previsioni di sospensione di versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali»

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia