I vantaggi dello smart working secondo gli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

I vantaggi dello smart working secondo gli italiani

Sebbene sia stata una misura forzata, in molti casi piace alle aziende e ai lavoratori, tanto che il 35% di questi ultimi continuerebbe a svolgere il proprio lavoro in questa modalità anche dopo l’emergenza

di Redazione

Oltre il 55% degli italiani la mattina continua ad “andare a lavoro” secondo la fotografia delle attività economiche dell’industria e dei servizi privati di fine marzo fornita dall’Istat. Secondo l’Istituto, infatti, poco più della metà della forza lavoro, nonostante il lockdown, continuano la propria attività lavorativa, senza contare i lavoratori che stanno lavorando in smart working.  

Il dato dei lavoratori italiani ancora in attività è quindi relativamente alto considerando che a causa del coronavirus circa due milioni di italiani hanno trasformato la propria casa in ufficio, applicando così lo smart working imposto dal governo, quando possibile.

Le “reazioni a caldo” rilevate da un sondaggio condotto da Izi sono positive: l’80% degli italiani che lavora da casa giudica positivamente il telelavoro.

Dal sondaggio emerge che tra i vantaggi dello smart working il risparmio del tempo per raggiungere il posto di lavoro è sicuramente quello più apprezzato, seguono una maggiore flessibilità dell’orario di lavoro – un vantaggio secondo il 30% degli intervistati -, il risparmio economico delle spese di trasporto e pranzo – scelto dal 15% – e la possibilità di passare più tempo con la propria famiglia.  

Quelli che sono visti come i vantaggi maggiori dello smart working per alcuni sono in realtà anche le criticità più rilevanti per altri: il 23% dei lavoratori intervistati ha dichiarato di “non staccare mai” proprio per la mancanza di orari fissi, il 13,4% considera le distrazioni casalinghe come la famiglia o la tv un problema, mentre per il 7% è difficile gestire e pianificarsi il lavoro e per il 5% il problema è la complessità ad organizzare il proprio tempo.

Nonostante ci siano inevitabilmente anche aspetti negativi, il giudizio finale è positivo tanto che il 35% degli attuali smart worker sarebbe d’accordo a mantenere questa modalità anche una volta tornati alla normalità, il 57% sarebbe disponibile a una formula di lavoro agile parziale integrata con il lavoro in ufficio, mentre addirittura il 37% si dice disposto a rinunciare a parte del proprio stipendio pur di continuare a lavorare dalla propria casa.

Non solo i lavoratori, anche dal lato delle aziende nonostante l’adozione forzata, lo smart working è uno strumento soddisfacente:  secondo una ricerca di BVA-Doxa, che ha analizzato le reazioni di 300 industrie italiane durante la prima settimana di lockdown dal 9 al 16 marzo, il 90% di esse si dichiara soddisfatta dell’efficienza e dell’organizzazione dei lavoratori e il 39% delle società prevede che le modifiche apportate all’organizzazione della modalità di lavoro rimarranno anche dopo la fine dell’emergenza coronavirus.

 

Scrivi una replica

News

Unicredit, nel 2021 l’amministratore delegato lascerà l’incarico

L’amministratore delegato della Unicredit, Jean Pierre Mustier, lascerà il suo incarico a fine mandato, cioè nell’aprile 2021. Mustier ha reso noto che la sua decisione…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, si dimette il consigliere sul Covid

Scott Atlas, consigliere sul Covid dell’amministrazione Trump, si è dimesso. Atlas era un convinto sostenitore dell’immunità di gregge ed era stato scelto da Trump pur…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Von der Leyen: «Entro gennaio i primi vaccini»

«La crisi legata al coronavirus non è ancora finita e l’incertezza continua ma in modo diverso da marzo, oggi sappiamo che c’è una via di…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 119 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spred tra Btp e Bund si è attestato a quota 119 punti.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia