Le perdite della filiera agroalimentare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le perdite della filiera agroalimentare

La fase due dell’emergenza coronavirus vede ancora prolungare i tempi di riapertura di bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi. Ciò equivale ad un calo che consegne a domicilio e asporto riusciranno a compensare in minima parte

di Redazione

Il prolungamento del lockdown ha effetti diretti sui commercianti e lavoratori delle attività di pubblico esercizio, ma fa sentire i suoi effetti indiretti anche su tutta la filiera agroalimentare nazionale con il valore dei mancati acquisti che sale in questo modo a 5 miliardi, secondo l’ultima indagine Coldiretti/Ixè. Va considerato, infatti, il mancato incasso per prodotti di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco.

Da quanto emerge dall’analisi, dunque, a pesare sul settore agroalimentare è un mercato, quello dei pranzi, cene, aperitivi e colazioni fuori casa che prima dell’emergenza coronavirus rappresentava il 35% dei consumi alimentari degli italiani, circa 85 miliardi di euro in un anno. La possibilità di consegna a domicilio e, nei prossimi giorni, la possibilità di vendita d’asporto dovrebbe attenuare le perdite dato che il 37% degli italiani abitualmente consuma a casa o a lavoro i pasti dei ristoranti.

Da quando è cominciata la pandemia in Italia il 57% delle aziende agricole ha registrato una diminuzione dell’attività con un impatto che varia in base ai settori con punte del 100% come per l’agriturismo in cui sono state chiuse tutte le 24 mila strutture italiane. Come sottolinea la Coldiretti “una anticipazione dell’apertura è necessaria per gli agriturismi che, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche”.

Gli agriturismi sono anche tra i posti più frequentati nei primi weekend fuori porta di primavera – lo scorso anno il 25% degli italiani aveva passato fuori casa per la festa del 1 maggio -, ma le mancate presenze per il fine settimana del 25 aprile di quest’anno hanno comportato una perdite di mezzo miliardo di euro con 253 mila posti letto vuoti e quasi 442 mila posti a tavola non occupati.  A causa dell’emergenza il 23% degli italiani ha optato per grigliate “in casa” sfruttando balconi e terrazzi.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, inchiesta Onu: «Commessi crimini di guerra, anche contro dei minori»

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, si sono verificati casi di violenze contro i minori. Lo denuncia il capo della Commissione d’inchiesta, Erik Mose, riferendo i risultati…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, Nasa: «Concluso il test per il caricamento di propellente nel lanciatore Sls»

Concluso con successo il test per il caricamento di propellente nel lanciatore Sls (Space Launch System) nell’ambito della missione Artemis 1, il primo step per…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, l’88% dei seggi allestito in edifici scolastici

Dei 61.562 seggi elettorali, quasi nove su dieci (88%) si trovano all’interno di edifici scolastici. Lo rivela un dossier del Csel, il Centro Studi Enti…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Donbass, al via i referendum per annessione alla Russia

Al via i referendum nel Donbass, che si terranno tra la giornata di oggi e il 27 settembre. Una consultazione che coinvolge il 15% del…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia