L’occupazione nella sanità pubblica | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’occupazione nella sanità pubblica

Dal 2009 al 2018 i dipendenti a tempo indeterminato del servizio sanitario pubblico sono diminuiti di 44 mila unità. Questa diminuzione è stata parzialmente compensata con l’assunzione di personale con contratti flessibili

di Redazione

La sanità pubblica è stata oggetto di dibattito a causa dell’emergenza coronavirus che stiamo vivendo e al lavoro estenuante e fondamentale che medici, infermieri e tutto il personale sanitario sta svolgendo. Dall’ultimo rapporto dell’Istat sulla sanità pubblica emerge proprio che il settore è stato sottoposto a tagli che hanno ridotto il personale e non hanno consentito un pari ricambio: al 31 dicembre 2018 risultano impiegati 650 mila dipendenti a tempo indeterminato, circa 44 mila in meno rispetto al 2009, anno in cui il numero di occupati ha iniziato progressivamente a diminuire.

Questa diminuzione è stata solo parzialmente compensata dall’assunzione di personale con contratti flessibili, cioè con contratti a tempo determinato o in somministrazione, che al 2018 erano circa 42 mila – che fa arrivare il numero di dipendenti totali del servizio sanitario a 692 mila -, in aumento rispetto ai 38 mila del 2009 e il picco più basso dei 31 mila nel 2013. Per quanto riguarda i diversi comparti, tra i medici – inclusi odontoiatri e veterinari – la diminuzione del personale stabile è stata del 5,4% rispetto al 2009, mentre la contrazione maggiore di personale a tempo indeterminato, -13,5%, ha riguardato i dirigenti non medici a cui un contestuale più ampio ricorso al lavoro flessibile ha compensato solo un quarto delle cessazioni dei contratti stabili.

Il contenimento delle assunzioni ha avuto, insieme all’innalzamento dell’età pensionabile, anche il risultato di vedere aumentata l’età media dei dipendenti della sanità pubblica italiana, fino a 50,7 anni. Nello specifico il 57,6% del totale dei dipendenti nel SSN è ultracinquantenne, circa il 65% degli uomini e 54,5% delle donne, infatti la fascia di età con più dipendenti a seconda del genere  è quella 55-59 anni per gli uomini e 50-54 per le donne.

I dirigenti, per ragioni legate alla carriera lavorativa necessaria, sono i più anziani, soprattutto i dirigenti medici uomini, tra cui la media di ultra 55enni si attesta al 60,4%, mentre quasi quattro su 10 superano i 60 anni.  Al contrario i dipendenti più giovani sono il personale non dirigente: in quasi un quarto dei casi ha meno di 45 anni, in particolare 23,9% gli uomini e 25,5% le donne.

I non dirigenti sono anche i dipendenti che percepiscono una retribuzione lorda pro capite inferiore rispetto agli altri comparti, 31 mila euro l’anno, contro i 73 mila euro per i dirigenti non medici e i quasi 83 mila euro l’anno per i medici.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, l’Australia chiude il confine tra i due stati più popolosi

Il confine tra i due stati più popolosi dell’Australia, Victoria e New South Wales (Nsw), verrà chiuso dopo il picco di casi covid-19 registrati a…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 11,4 milioni di casi in tutto il mondo

I contagi da coronavirus in tutto il mondo hanno superato quota 11,4 milioni. I decessi invece sono più di 530mila.…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il governo britannico stanzierà 1,57 miliardi di sterline per il settore della cultura

Il governo britannico ha reso noto che stanzierà 1,57 miliardi di sterline per aiutare teatri, gallerie d’arte e altri istituti culturali a sopravvivere la crisi…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’India è diventato il terzo Paese per numero di contagi

Nel mondo il numero dei contagi da coronavirus ha ormai superato la soglia degli 11 milioni. Lo rende noto la Jonhs Hopkins University, che monitora…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia