La crescita dell’e-commerce a causa (soprattutto) del coronavirus | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crescita dell’e-commerce a causa (soprattutto) del coronavirus

Il lockdown ha comportato un drastico calo delle vendite e del commercio al dettaglio dei prodotti non alimentari, ma si assiste nel frattempo ad un boom di quello elettronico

di Redazione

L’epidemia di coronavirus ha cambiato le nostre abitudini e il nostro modo di acquistare, non solo perché sono cambiate le esigenze, ma da un punto di vista pratico il lockdown ha costretto alla chiusura di tutti i negozi e la conseguenza principale è stato il drastico calo del commercio. Le misure di contenimento del contagio, secondo le stime dell’Istat, un calo delle vendite al dettaglio nel mese di marzo del 20,5% in termini di valore e del 21,3% in termini di volume rispetto a febbraio. A incidere in maniera determinante è la diminuzione delle vendite dei beni non alimentari, che registrano una diminuzione del 36%, mentre i beni alimentari risultano stabili rispetto a febbraio e le uniche in aumento nel primo trimestre del 2020 rispetto al trimestre precedente. Le diminuzioni più marcate, dal -54% al -57% si registrano per le vendite di abbigliamento, giocattoli, calzature e articoli da viaggio.

Il problema non è solo italiano, infatti anche l’Eurostat fotografa un drammatico calo del commercio al dettaglio a livello comunitario: la chiusura dei negozi non essenziali in Europa ha provocato una diminuzione del commercio al dettaglio del 10% tra marzo e febbraio 2020. Nello specifico ad aver sofferto maggiormente per l’attuale situazione di lockdown a marzo è stato il commercio al dettaglio dei prodotti tessili, in calo del 40% rispetto a febbraio, a fronte di un aumento medio dello 0,7% nei mesi di marzo tra il 2010 e il 2019. Anche in questo caso, a livello europeo, l’unico comparto a registrare un aumento è il commercio dei prodotti alimentari, in crescita del 4,7% rispetto a febbraio, di contro una media dello 0,2% nei mesi di marzo dell’ultima decade.

Infatti, anche per quanto riguarda la divisione del commercio in base al canale di vendita, se i grandi magazzini registrano una diminuzione del volume delle vendite di quasi il 18%, i supermercati hanno visto incrementare le proprie vendite del 4,4% a marzo. Unico altro canale in positivo è stato internet, che ha registrato un aumento del volume delle vendite del 2,2%, a fronte di una media dello 0,7% nei mesi di marzo tra il 2010 e il 2019.

Inevitabilmente la chiusura di tutti i negozi fisici ha fatto crescere il volume dell’e-commerce, sia in Europa che in Italia: secondo il report dell’Istat a marzo il commercio elettronico è aumentato del 20,7% rispetto a febbraio. La grande spinta che il coronavirus ha dato alle vendite online è testimoniata anche da Netcomm, che durante il Netcomm Forum -il più grande evento italiano sull’e-commerce- ha evidenziato che in Italia dall’inizio del 2020 ad oggi si registrano 2 milioni di nuovi consumatori online, un aumento esponenziale visto che nello stesso periodo del 2019 l’aumento è stato di 700 mila unità. La maggior parte, 1,3 milioni sono diventati nuovi consumatori online durante l’emergenza, portando così il numero totale di italiani che comprano su internet a 29 milioni. A livello mondiale, nonostante i danni che il coronavirus sta avendo sul commercio, Netcomm stima un aumento dell’e-commerce fino al 55% nel 2020.

 

1 Commento per “La crescita dell’e-commerce a causa (soprattutto) del coronavirus”

  1. […] dati economici sono pubblicati oggi dagli istituti nazionali di statistica europei ed italiano, tutti confermano l’enorme peso che l’epidemia Coronavirus scarica sull’economia. Il […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, l’Australia chiude il confine tra i due stati più popolosi

Il confine tra i due stati più popolosi dell’Australia, Victoria e New South Wales (Nsw), verrà chiuso dopo il picco di casi covid-19 registrati a…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 11,4 milioni di casi in tutto il mondo

I contagi da coronavirus in tutto il mondo hanno superato quota 11,4 milioni. I decessi invece sono più di 530mila.…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il governo britannico stanzierà 1,57 miliardi di sterline per il settore della cultura

Il governo britannico ha reso noto che stanzierà 1,57 miliardi di sterline per aiutare teatri, gallerie d’arte e altri istituti culturali a sopravvivere la crisi…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’India è diventato il terzo Paese per numero di contagi

Nel mondo il numero dei contagi da coronavirus ha ormai superato la soglia degli 11 milioni. Lo rende noto la Jonhs Hopkins University, che monitora…

6 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia