Emergenza Covid-19: cosa preoccupa maggiormente gli italiani? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Emergenza Covid-19: cosa preoccupa maggiormente gli italiani?

Sondaggio Tecnè per Tgcom24: rispetto a marzo, oggi emergono soprattutto preoccupazioni relative alla sfera economica. Il 36% degli intervistati teme un reddito più basso a maggio

di Redazione

Rispetto al mese di marzo, quando l’emergenza sanitaria era nel pieno del suo sviluppo, oggi le preoccupazioni degli italiani sembrano orientate piuttosto sulle conseguenze economiche della pandemia: risponde in questo modo il 64% degli intervistati dall’istituto Tecnè nel sondaggio per Tgcom24 diffuso il 26 maggio, mentre nel confronto con marzo diminuisce la quota di quanti si dicono preoccupati soprattutto per i rischi familiari.

L’80% degli intervistati da Tecnè ritiene che la maggior parte di negozi, bar e ristoranti (esclusi centri commerciali e grande distribuzione alimentare) siano aperti nella propria zona di residenza. Il 12% risponde metà aperti e metà chiusi e solo l’8% risponde per la maggior parte chiusi. Nella percezione media, il 74% afferma che negozi, bar e ristoranti sono aperti.

Da un anno all’altro cominciano già ad emergere le prime differenze derivanti dal lockdown. Per quanto riguarda il bilancio familiare, a maggio 2020 il 21% degli intervistati afferma di essere riuscito a risparmiare (le entrate, cioè, sono state superiori alle spese) mentre a esprimersi in questo modo un anno fa era stato il 30%. Se a maggio 2019 per il 57% entrate e uscite erano state in equilibrio, quest’anno lo sono state per il 44%, mentre il 25% in questo mese ha dovuto usare i risparmi e tagliare le spese (era il 10% nel 2019) e il 10% ha tagliato anche quelle alimentari (a doverlo fare era stato il 3% un anno fa).

LAVORO
Nella settimana dal 18 al 23 maggio, con il pieno avvio della cosiddetta “fase due”, il 64% degli intervistati afferma di essere tornato alla normalità (stesso orario e luogo di lavoro), mentre per il 36% non è ancora così. Il 18% ha lavorato nella settimana di riferimento in smart working o a tempo ridotto, mentre un altro 18% non è tornato al lavoro.  Il 66% degli intervistati, ad ogni modo, prevede che il reddito nel mese di maggio sarà uguale a quello prima del lockdown, mentre il 34% –  percentuale che interessa otto milioni di lavoratori – afferma che sarà più basso.

LA FIDUCIA NEL GOVERNO
La fiducia nel governo si attesta ad oggi al 30,3%.
Se rispetto all’inizio della crisi sanitaria si è osservato un incremento, l’andamento che si rileva nelle ultime settimane mostra al contrario un trend in discesa dal 31,8% messo a segno ad aprile.

NOTA METODOLOGICA
Campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne italiana, articolato per sesso, età, area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Interviste effettuate il 24-25 maggio 2020 con metodo Cati, Cawi
Totale contatti: 4.970 (100%) – rispondenti: 1.000 (20,1%) – rifiuti/sostituzioni: 3.970 (79,9%)
Margine di errore +/-3,1%
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl
Committente: RTI
Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia