Cosa accadrebbe all’economia italiana con una seconda ondata di contagi? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa accadrebbe all’economia italiana con una seconda ondata di contagi?

La risposta dell’Ocse: crollo del Pil del 14% nel 2020, prima di risalire del 5,3% nel 2021

di Redazione

Una seconda ondata di virus? All’Italia costerebbe un crollo del Pil del 14% nel 2020, prima di risalire del 5,3% nel 2021. Se invece non si verificherà tale scenario, allora il Pil dovrebbe calare dell’11,3% quest’anno e risalire del 7,7% il prossimo. È la risposta che dà L’Ocse nella scheda dedicata all’Italia sulle Prospettive economiche, fortemente condizionate dalla pandemia e dal lockdown applicato per contenere la diffusione del coronavirus.

Nel caso di una seconda ondata, spiega l’Ocse, entro la fine dell’anno il debito pubblico dell’Italia passerà dal 134,8% del Pil del 2019, al 169,9% del 2020, per poi riscendere al 165,5% nel 2021. Nel caso in cui ciò non dovesse avvenire, il debito pubblico passerà dal 134,2% del 2019 al 158,2% del 2020, per poi riscendere al 152,2% del 2021.

«Al di là dei rischi di breve termine legati alla crisi pandemica, il principale rischio riguarda la forza e la durata della ripresa. Il settore del turismo in Italia è particolarmente vulnerabile ad una crisi prolungata dello scenario cosiddetto a doppio impatto, perché il turismo rischia di indebolirsi a medio termine come anche le piccole imprese del settore, 52 mila solo per quanto riguarda gli alloggi», si legge nella scheda sull’Italia delle Prospettive economiche dell’Ocse.

In altre parole, sottolinea l’Organizzazione con sede a Parigi, la crisi che deriverà dal coronavirus rappresenta «un passo indietro degli sforzi per giungere ad una crescita più forte ed inclusiva. Le misure d’urgenza per far fronte alle ricadute economiche della crisi sono giustificate e si dovrebbero completare e raddoppiare gli sforzi per proseguire un ambizioso programma di riforme strutturali». Secondo l’Ocse «continuare ad estendere il sostegno nei settori in cui la domanda potrebbe tornare rapidamente, può evitare la disoccupazione e accelerare la ripresa».

 

Scrivi una replica

News

Ilo: «Italia peggiore nel G20 per salari reali, -12% da 2008»

I salari in Italia sono più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. E’ quanto emerge dal Global Wage Report 2022-23 presentato dall’Ilo,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Centreremo gli obiettivi entro fine anno»

«In questi giorni, stiamo lavorando intensamente per conseguire i 55 obiettivi del II semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bonomi: «Per flat tax e prepensionamenti penalizzate le imprese»

«Le risorse mancate per gli investimenti delle imprese si devono anche al fatto che una parte delle risorse a disposizione, al netto degli interventi sull’energia,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce, Lagarde: «Fondamentale riportare l’inflazione al target 2%»

«La Bce, date le incertezze sull’economia globale e la volatilità dei prezzi, deve assicurare che in tutti gli scenari l’inflazione tornerà al nostro obiettivo velocemente».…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia