Come la pandemia aumenta le disuguaglianze sociali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come la pandemia aumenta le disuguaglianze sociali

L’ultimo rapporto annuale dell’Istat fotografa un paese fragile e non ancora ripreso del tutto dalla crisi del 2008-2009. Con l’emergenza sanitaria, che ha colpito le persone più vulnerabili, i divari potrebbero ora ampliarsi  

di Redazione

Che l’ascensore sociale in Italia sia guasto da tempo, è cosa purtroppo risaputa. Quello che abbiamo potuto apprendere in più, proprio in questi giorni, è che la pandemia, in questo senso, avrà un impatto significativo nelle vite delle generazioni più giovani. In particolare, spiega infatti l’Istat nel Rapporto annuale 2020, «la pandemia da COVID-19 si è innestata su una situazione sociale caratterizzata da forti disuguaglianze, più ampie di quelle esistenti al momento della crisi del 2008-2009». C’è da dire, tuttavia, che la classe sociale di origine influisce ancora in misura rilevante sulle opportunità degli individui nonostante il livello di ereditarietà complessiva in Italia – seguendo, sia pure con ritardo, l’esperienza di molti altri paesi europei – si sia progressivamente ridotto nel volgere delle generazioni. «Per la generazione più giovane tale evoluzione non ha, però, portato effetti positivi in quanto è stata accompagnata da un contemporaneo downgrading della loro collocazione e, dunque, da una diminuzione delle probabilità di ascesa sociale».

Nello specifico, per i nati tra il 1972 e il 1986 la quota di chi sperimenta una mobilità verso il basso (26,6%) è tale da superare – spiega il Rapporto annuale 2020 – i livelli registrati da tutte le generazioni precedenti, inclusa quella più anziana, ossia quella dei nonni (21,8%). Questo peggioramento è tanto più incisivo se si considera che, tra i componenti dell’ultima generazione, la quota di persone mobili in senso discendente supera quella con mobilità ascendente, marcando così una netta discontinuità nell’esperienza storica  compiuta dalle generazioni nel corso di tutto il XX secolo.

Sul fronte del mercato del lavoro – che l’Istat definisce veicolo fondamentale di opportunità e riduzione delle disparità sociali –, i principali indicatori riferiti allo scorso anno mostrano un aumento delle diseguaglianze territoriali, generazionali e per titolo di studio rispetto al 2008. I dati rivelano una riduzione di quelle di genere, ma non è necessariamente una buona notizia perché ciò è avvenuto anche per effetto del peggioramento della situazione occupazionale degli uomini. Le donne, insieme ai giovani e ai lavoratori del Mezzogiorno, restano più esposte a una bassa qualità del lavoro: ad essa sono associate retribuzioni inferiori alla media, elevati rischi di perdita del lavoro e alto livello di segregazione occupazionale.

Un aspetto particolarmente critico, poi, è rappresentato dall’elevato tasso di irregolarità dell’occupazione, più alto tra le donne, nel Mezzogiorno, tra i lavoratori molto giovani e tra quelli più anziani. È un segmento del mercato del lavoro strutturalmente debole e più esposto, nella particolare situazione seguita al diffondersi dell’epidemia, a causa delle difficoltà di accesso agli ammortizzatori sociali e dell’impossibilità di giustificare formalmente nel lockdown gli spostamenti per motivi di lavoro. Il numero di famiglie coinvolte è elevato: si stima che siano circa 2,1 milioni quelle che hanno almeno un occupato irregolare – oltre 6 milioni di individui, pari al 10% della popolazione – e che ben la metà di esse includa esclusivamente occupati non regolari.

A tutto questo, si aggiunga infine l’ulteriore criticità legata alle difficoltà di conciliare i tempi di vita. L’offerta di servizi per la prima infanzia, carente e diseguale sul territorio, svantaggia le donne – scoraggiandone la partecipazione – e svantaggia i bambini delle famiglie meno agiate che non usano il nido, perché costoso o non disponibile. La pandemia e le restrizioni imposte per contenere il contagio, hanno un forte impatto sull’organizzazione familiare con il risultato di aumentare entrambi gli svantaggi: il primo a sfavore delle donne, non supportate dai nonni nella cura dei figli; il secondo a sfavore dei bambini, accentuando le distanze di quelli già penalizzati da situazioni abitative disagiate e in condizioni socio-economiche non adeguate a sopperire gli effetti della chiusura delle scuole.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Istat: export in risalita, +14,4% a giugno

A giugno 2020 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+16,1%) che per le esportazioni…

7 Ago 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 19 milioni di casi nel mondo

Nel mondo sono oltre 19,1 milioni i casi di Covid-19 confermati, mentre sono più di 715 mila i decessi dovuti alla pandemia, stando all’ultimo aggiornamento…

7 Ago 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, morto Steinsaltz all’età di 83 anni

Uno dei maggiori studiosi del Talmud, il rabbino Adin Even-Israel Steinsaltz, è morto all’età di 83 anni a Gerusalemme. Steinsaltz è noto soprattutto per aver…

7 Ago 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa possibile 300mila vittime senza uso mascherina

I ricercatori dell’Università di Washington stimano che il bilancio delle vittime da coronavirus negli Usa possa raggiungere le 300mila unità entro dicembre, senza l’uso della…

7 Ago 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia