La più grande eredità della pandemia? La paura | T-Mag | il magazine di Tecnè

La più grande eredità della pandemia? La paura

A suggerirlo l’ultimo rapporto Censis-Assogestioni. Timori per la situazione economica familiare, aumenta il ricorso al risparmio. L’allarme Oxfam: con il Covid aumenta la fame nel mondo

di Redazione

La principale eredità della pandemia tra gli italiani? Inutile girarci intorno: la paura. A suggerirlo l’ultimo rapporto Censis-Assogestioni sul tema del valore della diversità nella scelta di investimento prima e dopo il Covid-19. Dal rapporto, infatti, emerge che il 67,8% degli italiani ha paura per la situazione economica familiare e la percentuale sale al 72% tra i millennial e le donne, raggiungendo il 75% al Sud e superando il 76% tra gli imprenditori fino ad arrivare all’82,6% tra le persone con i redditi più bassi.

Il 38,9% degli italiani, spiega ancora lo studio, ha incrementato il proprio risparmio nel periodo del lockdown, percentuale che sale al 49,1% tra coloro che sono risparmiatori abituali. Nel periodo della quarantena sono stati 28 milioni i percettori di reddito le cui entrate non sono state intaccate (pensionati, dipendenti pubblici, lavoratori del settore privato non in Cassa integrazione o congedo parentale), pari al 71,2% del totale.

Famiglie

La pandemia ha accresciuto le difficoltà delle famiglie. Dall’indagine Le famiglie e l’emergenza Covid-19: una fotografia attuale, realizzata dal Forum delle associazioni familiari insieme a RCS MediaGroup, emerge che i problemi sono soprattutto di tipo economico, lavorativi, ma anche dovuti all’assenza di servizi e alla gestione dei figli, per quanto il tempo trascorso insieme a causa del lockdown abbia migliorato i rapporti all’interno del nucleo (lo sostiene il 48% delle famiglie). Tuttavia non c’è ottimismo sul futuro e la paura è un tema evidentemente ricorrente: il 49% prevede un peggioramento della situazione economica, il 47% della situazione lavorativa, il 46% teme ripercussioni negative su svago e tempo libero, il 39 su cultura e istruzione.

Fame nel mondo

Un’altra conseguenza del virus potrebbe l’aumento della fame nel mondo che secondo l’Oxfam, nel rapporto Il virus della fame, specialmente nelle aree devastate da guerre e disuguaglianze, la situazione potrebbe subire un ulteriore peggioramento. Entro la fine del 2020, a detta dell’Oxfam, 12 mila persone al giorno potrebbero morire a causa della fame derivata dalla pandemia di Covid-19. Più di 270 milioni di persone potrebbero soffrire la fame, con un possibile aumento di oltre l’80% rispetto allo scorso anno.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In Europa c’è una situazione molto grave»

«Quella che si sta verificando in Europa è una situazione molto grave», dove i nuovi casi settimanali di coronavirus «hanno superato quelli segnalati quando la…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Il fumo degli incendi sulla costa occidentale Usa ha raggiunto l’Europa»

Il fumo degli incendi, che stanno devastando parte della costa occidentale statunitense, ha raggiunto l’Europa, dopo aver attraversato il resto degli States e l’Oceano Atlantico.…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, il 17 novembre uscirà una nuova autobiografia di Obama

Il 17 novembre 2020, uscirà A Promised Land, una nuova autobiografia dell’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il libro, il primo di due volumi,…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 29,9 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 29.886.196. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia