U-commerce: la nuova frontiera del commercio elettronico | T-Mag | il magazine di Tecnè

U-commerce: la nuova frontiera del commercio elettronico

Mentre l’e-commerce si sta sempre più diffondendo grazie anche al lockdown e alle regole ancora in vigore, la sua evoluzione è già in atto: l’u-commerce come la tendenza che integra la vendita nei negozi fisici e online.

di Redazione

L’u(unified)-commerce, evoluzione dell’e-commerce, è una tendenza che si sta diffondendo perché che si adatta particolarmente allo scenario italiano e soprattutto alle esigenze della fase post coronavirus.

Con il termine si intende l’evoluzione della multicanalità, che è già sembrata la strategia vincente, in omnicanalità. In questa visione non c’è la dicotomia tra il negozio fisico e quello online, ma uno diventa integrazione dell’altro e viceversa,  superando le barriere tra esperienza digitale e esperienza in negozio.

La tendenza si adatterebbe alle abitudini degli italiani, tendenzialmente più restii agli acquisti online, perché già prima dell’emergenza coronavirus che ha dato slancio all’e-commerce, preferivano toccare e vedere i prodotti prima di acquistarla, ma l’impulso ed il suggerimento perveniva da canali digitali.

Secondo Anastasia Sfregola, sales director di Kooomo, la piattaforma digitale che aiuta le aziende a sviluppare il proprio business online, «le analisi sui comportamenti dei consumatori testimoniano che 3 persone su 4 che effettuano ricerche su un brand dal proprio smartphone entreranno in un negozio di quella catena entro le 24 ore successive».

L’e-commerce è infatti una realtà sempre più sviluppata e diffusa grazie anche alla spinta avuta con il lockdown. Secondo l’Osservatorio B2c del Politecnico di Milano le vendite online raggiungeranno i 22,7 miliardi entro fine 2020, in aumento del 26%, corrispondente a 4,7 miliardi di euro in più rispetto al 2019: l’incremento, in valore assoluto, più elevato mai registrato.

A far registrare ritmi di crescita più elevati sono i comparti emergenti, come il Food che, in aumento del 56% rispetto al 2019, genera 2,5 miliardi di euro, e l’Arredamento e Home living che, con 2,3 miliardi di euro, risulta in aumento del 30%. In realtà anche i comparti in cui l’e-commerce è una realtà già consolidata crescono a ritmi significativi: l’informatica e l’elettronica con un aumento del 18% nel 2020 raggiungono i 6 miliardi, l’abbigliamento 3,9 miliardi e l’editoria 1 miliardo di euro.

L’emergenza coronavirus ed il lockdown hanno quindi dato impulso al mercato dell’e-commerce in una frontiera sempre più “glocal”, che rafforza quindi il ruolo della prossimità anche se digitale, la frontiera per poter far ripartire i negozi potrebbe essere proprio combinare i canali di vendita.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello mondiale, i contagi hanno superato i 242,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 242.648.151. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, Acea: «Nel terzo trimestre, le auto ibride hanno superato il diesel per la prima volta»

Nel terzo trimestre del 2021, nell’Unione europea, le immatricolazioni di autovetture ibride elettriche (Hev) hanno rappresentato il 20,7% del mercato complessivo. Lo ha reso noto…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Draghi: «Sulla Polonia, non ci sono alternative: le regole sono chiare»

Sulla Polonia «non ci sono alternative: le regole sono chiare». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso della conferenza stampa…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Energia, Draghi: «Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Ue in egual misura»

Sull’energia «siamo stati espliciti con la necessità di preparare subito uno stoccaggio integrato con le scorte strategiche. Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Unione europea in egual…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia