A che punto è la pandemia di coronavirus in Italia e nel mondo? | T-Mag | il magazine di Tecnè

A che punto è la pandemia di coronavirus in Italia e nel mondo?

Secondo l’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS_CoV-2 dell’Istat e del Ministero della Salute le persone che sono entrate in contatto con il coronavirus sono quasi un milione e mezzo, il 27,3% dei quali sono risultati asintomatici. Nuovi focolai in Europa, circa 157 mila morti negli Stati Uniti

di Redazione

Sono 1 milione 482 mila le persone che sono entrate in contatto con il nuovo coronavirus, secondo i primi risultati dell’indagine di sieroprevalenza sul SARS-CoV-2 dell’Istat in collaborazione con il ministero della Salute. L’indagine, condotta dal 25 maggio al 15 luglio, mostra che quindi il 2,5% della popolazione residente in famiglia, è risultato con IgG positivo, cioè ha sviluppato gli anticorpi per il coronavirus, cioè sei volte di più i dati ufficialmente individuati durante lo stesso periodo.

Come i dati sulla mortalità e sui contagi accertati, anche i risultati sull’indagine della sieroprevalenza mostra significative differenze a livello territoriale: la regione Lombardia raggiunge il massimo con il 7,5% di sieroprevalenza e  da sola assorbe il 51% delle persone che hanno sviluppato anticorpi. Il dato è influenzato dal fatto che nella regione risiede un sesto della popolazione italiana e che è anche quella in cui si è maggiormente concentrato il contagio, il 39% dei positivi ufficiali, e dei morti da coronavirus, il 49% su tutta l’Italia. Segue la Valle d’Aosta con il 4% di sieroprevalnza, mentre tutte le regioni del sud Italia, presentano un tasso di sieroprevalenza inferiore all’1%, con i valori minimi in Sicilia e Sardegna, entrambe allo 0,3%.

Differenze non rilevanti – in modo contrario a quanto rilevato dai contagi e dai morti accertati durante il periodo di pandemia – emergono dall’analisi del genere: uomini e donne sono stati colpiti nella stessa misura dal coronavirus. Invece differenze significative emergono riguardo al settore di attività economica: è prevedibilmente la sanità che registra i valori di siero positività più alti, con il 5,3% e un intervallo di confidenza che oscilla tra il 4,1% e il 6,6, ma il dato arriva fino al 9,8% nella zona a più alta sieroprevalenza.

La ricerca sottolinea inoltre che convivere a stretto contatto con una persona affetta dal virus non implica necessariamente il contagio, ma i risultati confermano che l’aver avuto contatti con persone affette dal virus aumenta la probabilità che si siano sviluppati anticorpi, infatti in questo caso la sieroprevalenza arriva al 16,4% della popolazione.

Risultati importanti derivano anche dall’analisi degli asintomatici, secondo l’indagine infatti il 27,3% delle persone che ha sviluppato anticorpi non ha avuto alcun sintomo. Mentre per quanto riguarda la restante parte di coloro che hanno avuto sintomi, il 24,7% ha dichiarato di averne avuti uno o due e il 41,5% di aver sperimentato 3 o più sintomi tipici del coronavirus.  Nello specifico i sintomi più diffusi sono stati febbre, tosse e mal di testa. Il bollettino aggiornato a ieri mostra che si è avuto un brusco calo dei contagi, attualmente 159 nuovi casi, ma un aumento  dei decessi a causa del coronavirus.

In Europa la situazione invece non migliora: secondo i dati degli Ecdc è in corso un aumento di focolai e di casi in Spagna, FranciaGermania, Regno Unito e nei Paesi balcanici. In particolare, il Belgio si dichiara nel pieno della seconda ondata di coronavirus: nella settimana dal 25 al 31 luglio, i casi registrati in media  sono stati 517,1 al giorno contro i 311,4 della settimana precedente. La situazione è più critica in Spagna -Madrid è risultata la città europea con il più alto tasso di mortalità- e in Francia, dove il numero dei casi continua ancora a superare la soglia dei 1.300 contagiati al giorno.

Per quanto riguarda il resto del mondo, si contano circa 157 mila morti negli Stati Uniti e attualmente 4,7 milioni di positivi, 94 mila in Brasile, 47 mila in Messico per un totale di 5 milioni di casi e oltre 200 mila decessi in America Latina. A questi paesi seguono il Regno Unito con 46 mila e India 38 mila decessi. In Australia, nello specifico nello stato di Victoria, per evitare le proteste a causa del nuovo lockdown, chi violerà l’isolamento rischia una multa di 5.000 dollari.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia