L’uso consapevole dei social media dei GenZ | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’uso consapevole dei social media dei GenZ

Secondo il Digital Social Index i giovani tra i 18 e i 24 anni stanno adottando misure per ridurre i propri profili online in risposta alle preoccupazioni sull’utilizzo dei propri dati

di Redazione

Mentre i social media diventano strumenti sempre più sofisticati e oggetto di questioni geopolitiche (è notizia di queste ore l’arrivo di Reels, la risposta di Instagram a TikTok, con quest’ultimo al centro di un’intricata vicenda che vende contrapposti Stati Uniti e Cina), emergono dati interessanti relativi all’uso degli stessi social da parte dei più giovani, i GenZ.

Nonostante il lockdown abbia portato ad un aumento dell’attività online e della porzione di tempo passata su internet, l’ultimo Digital Society Index che analizza i rapporti tra tecnologia e brand, sondaggio condotto a livello globale dalla Dentsu Aegis Network, realizzato durante la pandemia da coronavirus, mostra risultati che in parte sfatano l’idea dei giovani e il loro “abuso” di tecnologia. Secondo il sondaggio, quasi un quinto, il 17% dei ragazzi della Generazione Z, tra i 18 e i 24 anni, ha disattivato i propri account sui social media negli ultimi 12 mesi. Il trend dell’abbandono dei social è particolarmente intenso in Europa, in Finlandia la percentuale arriva al 34%, ma nello specifico anche in Italia dove il 25% di utenti tra i 18 e i 24 anni ha disattivato un profilo social. Inoltre, a livello globale circa il 30% dei giovani ha limitato il tempo trascorso sui social, online o comunque sul proprio smartphone, la media è ancora più alta in Italia dove si attesta che il 35% dei 18-24enni ha deciso di passare meno tempo online.

A testimoniare la maggior consapevolezza dei cosiddetti nativi digitali per i temi quali sicurezza e privacy, dalla ricerca emerge che il 43% degli appartenenti alla Generazione Z a livello globale (il 44% in Italia) ha adottato misure per ridurre la quantità di dati condivisi online, tra gli strumenti utilizzati a questo scopo: sia cancellare la cronologia delle ricerche, che rinunciare ai servizi di geolocalizzazione. Infatti, quasi sei giovani su dieci, il 58%, non si fida delle aziende tecnologiche e sarebbero disposti a cambiare e abbandonare un’azienda che non utilizza correttamente i dati. Oltre alla propria sicurezza in termini di privacy, i giovani sono consci anche dell’impatto negativo che la tecnologia e soprattutto l’abuso dei social media ha sul loro benessere psico-fisico, tema particolarmente sentito in Spagna dove preoccupa il 59%. Eppure i giovani sono fiduciosi sugli effetti positivi della tecnologia in futuro: dalla ricerca emerge che il 62% è convinto che le tecnologie digitali aiuteranno le sfide urgenti e attuali del mondo.

La consapevolezza del corretto utilizzo dei social e di internet più in generale è evidente negli appartenenti alla Generazione Z anche in campo sociale e civico: il 37% dei 18-24enni crede che i social media abbiano un impatto negativo sul dialogo politico nel proprio paese, con picchi del 56% tra i giovani ungheresi. In questo caso la percentuale in Italia è comunque al di sopra della media globale, il 43% dei 18-24 enni italiani condivide l’impatto negativo sul dialogo politico.

Il problema non è la fiducia nel social network, ma soprattutto l’uso che se ne fa e la credibilità o il ruolo di chi li usa. Infatti, secondo una ricerca di Skuola.net, il 57% degli intervistati appartenenti alla Generazione Z ripone negli influencer una fiducia che va da un livello abbastanza alto fino ad altissimo. Ma questa è limitata ai temi su cui gli influencer sembrano avere maggiore presa, quelli cioè legati alla moda, alla musica, le serie tv, il cinema e i viaggi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia