Il ritorno a scuola preoccupa i genitori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il ritorno a scuola preoccupa i genitori

Secondo una ricerca di Save the Children sette genitori su dieci sono preoccupati dal rientro a scuola dopo il lockdown. A destare maggior apprensione l’incertezza sulle modalità, ma anche le conseguenze economiche che si riversano sulle scelte degli studenti

di Redazione

L’imminente rientro a scuola dopo i mesi di stop per l’emergenza sanitaria preoccupa sette genitori su dieci. A rilevare la percezione di disagio dei genitori è la ricerca La scuola che verrà: attese, incertezze e sogni all’avvio del nuovo anno scolastico di Save the Children, condotta da Ipsos tra il 4 e il 18 agosto, dalla quale emerge che i genitori sono preoccupati per l’incertezza sulle modalità di ripresa.

Se il 66% era a conoscenza della data di inizio dell’anno scolastico, quasi il 70% ancora non aveva avuto comunicazioni ufficiali dalla scuola su come si sarebbero tenute le lezioni. A seguire emergono i dubbi sui rischi legati al mancato distanziamento fisico, che preoccupano il 51% dei genitori, mentre per il 37%, non meno importante, la variazione degli orari di entrata e uscita per evitare assembramenti, che potrebbe non essere compatibile con gli orari lavorativi dei genitori che tornano in ufficio.

In quest’ultimo caso, le soluzioni pensate dai genitori ampliano il ruolo fondamentale che ricopre il welfare familiare in Italia:  il 22% degli intervistati si affiderà ai nonni, mentre una percentuale pensa di rinunciare al lavoro o usufruire della riduzione di orario – il 14% delle madri e solo il 2% dei padri. Preoccupano però anche le condizioni con cui i bambini e i ragazzi inizieranno il nuovo anno scolastico: secondo il 18% dei genitori i propri figli non sono pronti ad affrontate il programma della classe avanzata avendo perso ritmo e apprendimento a causa del lockdown e delle particolari – non sempre ottimali ed efficienti – condizioni di insegnamento. Infatti circa sei studenti su dieci hanno riscontrato difficoltà nella fruizione della didattica a distanza, nello specifico un 15% ha riportato voti peggiori.

Il 70% degli intervistati, inoltre, crede che il proprio figlio non svolgerà attività extrascolastiche soprattutto per i rischi del mancato distanziamento sociale, fattore che andrebbe ulteriormente a compromettere il ritorno alla normalità per gli studenti.

Meno diffuse, ma comunque evidenti, sono le preoccupazioni economiche poiché data la crisi, un genitore su dieci dichiara di non potersi permettere di acquistare tutti i libri scolastici, mentre il 20% di coloro che utilizzavano il servizio mensa, ritiene di non poter affrontare le spese relative al servizio. I problemi economici si riversano anche nelle scelte dei figli, tanto che, secondo l’analisi, l’8% dei genitori dichiara che il proprio figlio pensava di iscriversi al liceo ma, a causa delle difficoltà economiche che sta attraversando la famiglia, ha scelto una scuola professionale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, scontro tra l’Ue e AstraZeneca sui vaccini

Scontro tra Unione europea e AstraZeneca, l’agenzia farmaceutica con sede nel Regno Unito che ha sviluppato uno dei vaccini anti-Covid in collaborazione con l’università di…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone pronto ad estendere lo stato d’emergenza

Il governo giapponese è pronto ad estendere lo stato di emergenza se non si vedrà a breve una stabile diminuzione delle infezioni di coronavirus a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mosca torna ad una vita normale

Mosca torna a vivere la normalità. Infatti, il sindaco Serghei Sobyanin, ha rimosso le ultime restrizioni imposte e ha spalancato di fatti le porte a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Stati Uniti 142mila nuovi casi e 4mila decessi

Nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti si sono registrati oltre 142mila casi di coronavirus e 4mila decessi.…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia