Referendum, l’analisi del voto di Tecnè | T-Mag | il magazine di Tecnè

Referendum, l’analisi del voto di Tecnè

La maggior parte dei sì arrivano dal M5s e dai partiti di centrodestra. E come sarebbe finita se si fosse votato per le politiche? Il sondaggio Tecnè

di Redazione

Come sarebbe andata la tornata elettorale se si fosse votato per le politiche? È quello che ha chiesto Tecnè agli italiani nel sondaggio per Quarta Repubblica. Stando alle risposte, la Lega si sarebbe attestata al 26,2%, confermandosi primo partito. Il Pd avrebbe raccolto il 20,1% dei consensi, mentre Fratelli d’Italia il 16,1% e il M5s il 15,7%. Forza Italia avrebbe ottenuto il 7,5%, mentre Italia Viva il 3,5%. A seguire, La Sinistra al 2,5%, Azione all’1,8%, stesso risultato per +Europa, i Verdi all’1,6% (altri al 3,2%). L’area dell’astensione/incerti si sarebbe invece collocata al 41,3%. 

Analisi del voto

Per quanto riguarda l’analisi del voto relativa al referendum, il sì al taglio dei parlamentari è stato votato in larga parte da quanti si dichiarano elettori del M5s (92%), mentre tra gli elettori del Pd (55%), La Sinistra (58% ) e soprattutto Italia Viva (77%) ha prevalso il no. Hanno votato sì alla riforma costituzionale anche il 78% degli elettori della Lega, il 75% di quelli di Fratelli d’Italia e il 76% degli elettori di Forza Italia.

Per quanto riguarda le fasce di età, il sì ha prevalso in tutte, anche se con minore intensità tra i 18-34enni (64%) e over 64 (66%).

L’andamento viene rispettato anche per quanto riguarda la condizione occupazionale e il titolo di studio degli intervistati. Il sì ha convinto, tra il 65% e il 69%, autonomi, dipendenti, precari, disoccupati, neet (coloro che non studiano né lavorano) e pensionati. Il no ha avuto una maggiore presa tra i laureati (39%), il sì tra quanti hanno dichiarato un titolo inferiore al diploma (72%).

NOTA METODOLOGICA
Campione di 5.009 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne italiana, articolato per sesso, età, area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Interviste effettuate il 19-20-21 settembre 2020 con metodo Cati, Cawi, Capi
Totale contatti: 20.057 (100%) – rispondenti: 5.009 (25%) – rifiuti/sostituzioni: 15.048 (75%)
Margine di errore +/-1,4%
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl
Committente: RTI
Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

1 Commento per “Referendum, l’analisi del voto di Tecnè”

  1. […] la puntata del 21 settembre 2020 di Quarta Repubblica (Rete 4) sono stati pubblicati un’analisi sul voto referendario e le […]

Leave a Reply to Sondaggio Tecnè (21 settembre 2020): intenzioni di voto

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia