Videogiochi, aumentano gli appassionati di eSports | T-Mag | il magazine di Tecnè

Videogiochi, aumentano gli appassionati di eSports

L’Italia, insieme alla Spagna, è il paese europeo in cui gli eSports sono cresciuti di più nell’ultimo anno e mezzo

di Redazione

La pandemia e il lockdown hanno fato registrare un aumento del tempo passato davanti gli schermi e nello specifico dedicato ai videogiochi e agli eSports. Infatti, durante il periodo della pandemia, il gaming competitivo ha registrato un forte incremento del suo pubblico.  

L’Italia, insieme alla Spagna, è il paese europeo in cui gli eSports sono cresciuti di più nell’ultimo anno e mezzo: secondo il rapporto Let’s Play 2020 – The European Esport Market, prodotto da Deloitte, la percentuale di chi guarda almeno una volta a settimana match di eSports è maggiore del 20%. Sempre secondo le stime dell’analisi Deloitte, il pubblico globale dei videogiochi competitivi nel 2019 è cresciuto del 12% e ha raggiunto quasi 443 milioni di persone, ed il 77% delle organizzazione legate al mondo degli eSports ha registrato un aumento dei ricavi lo scorso anno.

Durante l’emergenza sanitaria, poi, la tendenza si è consolidata notevolmente, con l’incremento maggiore registrato in Italia e Spagna, dove il 44% dei rispondenti all’analisi ha ammesso una fruizione maggiore rispetto ai mesi precedenti al lockdown, contro una media europea tra il 30% e il 38% di utilizzo in più.

Per quanto riguarda il solo scenario italiano, secondo il Rapporto sugli eSports, realizzato da IIDE, l’associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia, in collaborazione con Nielsen, sono circa 466 mila le persone che seguono quotidianamente eventi eSports, il 33% in più di quanto emerso dalla precedente edizione del rapporto. Un bacino di pubblico che si espanderebbe a circa 1 milione e 400 mila persone se si considera la “fanbase”, cioè chi dichiara di seguire più di un evento a settimana.

Il rapporto conferma la crescita costante degli eSports, se si calcola che in soli due anni si contano oltre 400 mila appassionati in più e che questa forma di intrattenimento ha ricevuto un’ulteriore spinta alla crescita nei primi sei mesi del 2020, grazie al lockdown che ha avvicinato molte persone e alla pubblicità su larga scala. Nel dettaglio, a causa del coronavirus, il 38% degli “avid fan”, coloro che seguono quotidianamente eventi di questo tipo, ha guardato eSports in sostituzione degli sport tradizionali, il 35% li ha guardati insieme ad amici e familiari e il 29% ha discusso dei risultati con amici o familiari.

Secondo il report, in Italia il 22% di chi li segue ha iniziato a farlo nell’ultimo anno, ma ad aumentare sono state anche le ore dedicate: in media i fan passano 6,5 ore alla settimana alla fruizione di eventi, di contro le cinque ore della precedente analisi. Inoltre, secondo lo studio, nell’arco dell’ultimo anno non è solo aumentata la percentuale di fan, ma tra questi anche la quota di appassionate donne che passa dal 38% al 42%. Non a caso, per il 66% degli intervistati, gli eSports sostengano lo sviluppo di un ambiente aperto e inclusivo, non discriminatorio per genere, età, abilità, etnia e orientamento sessuale.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Lagarde: «Il Pil tornerà ai livelli pre-pandemia entro il 2022»

L’Eurozona si sta riprendendo ad una velocità superiore a quanto previsto: il Prodotto interno lordo tornerà così ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2021.…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Industria: Acciai Speciali di Terni è tornata di proprietà di un gruppo italiano

Acciai Speciali di Terni (Ast) torna in mani italiane: ThyssenKrupp ha annunciato la cessione al gruppo Arvedi. Complessivamente erano quattro le manifestazioni d’interesse presentate, tre…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, Macron: «Neutralizzato leader Stato Islamico del Gran Sahara»

Il capo del gruppo jihadista dello Stato islamico del Gran Sahara (Eigs), Adnan Abou Walid al-Sahrawi, è stato «neutralizzato» dalle forze francesi. Ad annunciarlo è…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto: ad agosto frenano nuove immatricolazioni in Europa

Ad agosto le nuove immatricolazioni nell’Unione Europea, nei Paesi Efta e nel Regno Unito sono state 724.710, in calo del 18,1% su base annua. Lo…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia