L’Indice PMI di IHS Markit prima e dopo il lockdown | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Indice PMI di IHS Markit prima e dopo il lockdown

A marzo il primo crollo, proseguito anche ad aprile. A partire da maggio, invece, si osserva una graduale risalita

di Matteo Buttaroni

Su T-Mag abbiamo già visto l’effetto della pandemia di coronavirus sui principali indicatori macroeconomici italiani – la maggior parte dei quali dell’Istat -, ma c’è un altro indice che rende bene l’idea di come se la sta passando il settore privato del paese: l’indice PMI di IHS Markit

L’indice PMI di IHS Markit 

Come spiega la stessa società, con sede a Londra, IHS Markit «è un leader mondiale in informazioni essenziali, analisi e competenze che offrono soluzioni per le principali aziende ed i mercati che guidano l’economia mondiale. L’azienda fornisce informazioni di ultima generazione, analisi e soluzioni ad aziende, enti finanziari e governativi, migliorandone l’efficienza operativa e fornendo una visione approfondita capace di generare decisioni ben consapevoli e sicure». Nel dettaglio l’indice PMI, realizzato sul settore privato di più Paesi e aree tra cui l’Italia e l’Eurozona, si basa su questionari mensili compilati da un ampio campione di imprese e riflette i cambiamenti del mese in corso rispetto a quello precedente. Gli indici variano da 0 a 100 e un valore superiore a 50 indica un incremento generale dell’attività economica del settore rispetto al mese precedente, mentre un indice inferiore a 50 mostra un decremento.

L’andamento dell’indice a cavallo della pandemia di coronavirus

Dalle serie storiche forniteci da IHS Markit, si può notare il profondo crollo che ha interessato l’indice di produzione manifatturiero, dei servizi e quello composito nel periodo che va dall’inizio del lockdown deciso dal governo per contenere la diffusione del coronavirus e i mesi subito dopo la graduale riapertura delle attività economiche. 

L’indice PMI dei servizi è particolarmente utile per capire come la pandemia abbia assestato un duro colpo al settore terziario, interessato fino a febbraio da una fase di espansione dell’attività. Non solo: febbraio, ovvero l’ultimo mese pre-lockdown, è stato anche il mese in cui l’indice PMI ha toccato il valore più alto dall’ottobre del 2019, segno che il settore fino a quel momento non se la stava passando poi così male, anzi.

 

Scrivi una replica

News

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/bund a 117 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 117 punti.…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 43,52 dollari al barile e Brent a 46,50 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 43,52 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 46,50 dollari.…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia