L’Indice PMI di IHS Markit prima e dopo il lockdown | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Indice PMI di IHS Markit prima e dopo il lockdown

A marzo il primo crollo, proseguito anche ad aprile. A partire da maggio, invece, si osserva una graduale risalita

di Matteo Buttaroni

Su T-Mag abbiamo già visto l’effetto della pandemia di coronavirus sui principali indicatori macroeconomici italiani – la maggior parte dei quali dell’Istat -, ma c’è un altro indice che rende bene l’idea di come se la sta passando il settore privato del paese: l’indice PMI di IHS Markit

L’indice PMI di IHS Markit 

Come spiega la stessa società, con sede a Londra, IHS Markit «è un leader mondiale in informazioni essenziali, analisi e competenze che offrono soluzioni per le principali aziende ed i mercati che guidano l’economia mondiale. L’azienda fornisce informazioni di ultima generazione, analisi e soluzioni ad aziende, enti finanziari e governativi, migliorandone l’efficienza operativa e fornendo una visione approfondita capace di generare decisioni ben consapevoli e sicure». Nel dettaglio l’indice PMI, realizzato sul settore privato di più Paesi e aree tra cui l’Italia e l’Eurozona, si basa su questionari mensili compilati da un ampio campione di imprese e riflette i cambiamenti del mese in corso rispetto a quello precedente. Gli indici variano da 0 a 100 e un valore superiore a 50 indica un incremento generale dell’attività economica del settore rispetto al mese precedente, mentre un indice inferiore a 50 mostra un decremento.

L’andamento dell’indice a cavallo della pandemia di coronavirus

Dalle serie storiche forniteci da IHS Markit, si può notare il profondo crollo che ha interessato l’indice di produzione manifatturiero, dei servizi e quello composito nel periodo che va dall’inizio del lockdown deciso dal governo per contenere la diffusione del coronavirus e i mesi subito dopo la graduale riapertura delle attività economiche. 

L’indice PMI dei servizi è particolarmente utile per capire come la pandemia abbia assestato un duro colpo al settore terziario, interessato fino a febbraio da una fase di espansione dell’attività. Non solo: febbraio, ovvero l’ultimo mese pre-lockdown, è stato anche il mese in cui l’indice PMI ha toccato il valore più alto dall’ottobre del 2019, segno che il settore fino a quel momento non se la stava passando poi così male, anzi.

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia