Gli italiani tra i più tassati d’Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani tra i più tassati d’Europa

Il 2019 ha fatto segnare un nuovo significativo aumento. Secondo la CGIA di Mestre, con una pressione fiscale pari alla media europea, ogni famiglia italiana risparmierebbe 1.506 euro l’anno

di Redazione

L’Italia è il paese in cui la tassazione è tra le più alte in Europa. Secondo i dati dello studio del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Commercialisti Analisi della pressione fiscale in Italia, in Europa e nel mondo. Struttura ed evoluzione dei principali indicatori di politica sociale, dopo l’intenso shock del 2012-2013, che ha fatto registrare un aumento del 2,1%, ed un periodo, dal 2014 al 2018, di relativo rientro della pressione fiscale dell’1,7%, il 2019 ha fatto segnare un nuovo significativo aumento dello 0,7%. Annullato così il calo del gettito fiscale dell’ultimo quinquennio, attualmente il gettito raggiunge il 48,2%, valore che, secondo i dati, è il più alto tra i paesi europei, ma anche maggiore del 5,8% rispetto ai dati ufficiali.

Dall’analisi emerge che dieci imposte racchiudono oltre l’85% del totale, sulle 88 presenti nelle categorie dell’Istat. Più nello specifico la tassa in percentuale maggiore è l’Irpef, che copre circa il 34,2% del gettito totale, pari a 176,8 miliardi di euro, a questa segue l’Iva, pari a 111,8 miliardi, che copre il 21,6% del totale.

Se il gettito fiscale è aumentato nel 2019, questo non è andato a compensare in maniera costante il calo che si è verificato negli scorsi anni: tra il 2014 e il 2018 la tassazione è diminuita principalmente per le imprese, mentre la quota sulle famiglie è rimasta invariata, anzi è leggermente aumentata. Infatti, secondo l’analisi basata sui dati Istat, la pressione fiscale sulle famiglie nel 2019 è stata pari al 18%, in crescita di 0,3 punti percentuali rispetto al 2018. Il dato pone il paese, anche secondo l’Indicatore Ocse che misura il cuneo fiscale, tra i primi posti in Europa: è al terzo posto, se si considera la pressione sullo stipendio di un dipendente single, che è al 48%, e primo posto per dipendente sposato con due figli, al 39,2%.

Stando a quanto emerge da un recente studio del Centro Studi della CGIA di Mestre, che si basa sui dati ufficiali del carico fiscale, quindi del 42,4%, se l’Italia nel 2019 avesse applicato una pressione fiscale pari a quella della media dei paesi dell’Unione Europea, 40,2%, ogni famiglia italiana avrebbe risparmiato 1.506 euro di tasse l’anno. In particolar modo il report della CGIA evidenzia il gap con alcuni paesi: se l’Italia potesse contare sul carico fiscale della Germania, ogni famiglia risparmierebbe 548 euro, mentre con la quota che si adotta in Spagna e in Regno Unito le famiglie avrebbero alleggerite le imposte di 4.930 euro nell’anno.

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia