Fmi: «Il debito pubblico aumenterà molto, ma gli stimoli fiscali non vanno ritirati» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fmi: «Il debito pubblico aumenterà molto, ma gli stimoli fiscali non vanno ritirati»

Gli «alti livelli di debito pubblico non sono quindi il rischio più immediato». Lo sostiene l’FMI, il Fondo monetario internazionale, nel Fiscal Monitor, spiegando che «il 2020 sarà un anno eccezionale e il debito pubblico dovrebbe stabilizzarsi a circa il 100% del PIL entro il 2025, beneficiando comunque dei tassi di interesse molto bassi». Secondo l’FMI, «la priorità a breve termine è quella di evitare il ritiro prematuro del sostegno fiscale. Il supporto dovrebbe persistere, almeno fino al 2021, per sostenere la ripresa e far rimarginare le cicatrici di lungo termine nel tessuto economico e sociale».

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Lagarde: «Il Pil tornerà ai livelli pre-pandemia entro il 2022»

L’Eurozona si sta riprendendo ad una velocità superiore a quanto previsto: il Prodotto interno lordo tornerà così ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2021.…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Industria: Acciai Speciali di Terni è tornata di proprietà di un gruppo italiano

Acciai Speciali di Terni (Ast) torna in mani italiane: ThyssenKrupp ha annunciato la cessione al gruppo Arvedi. Complessivamente erano quattro le manifestazioni d’interesse presentate, tre…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, Macron: «Neutralizzato leader Stato Islamico del Gran Sahara»

Il capo del gruppo jihadista dello Stato islamico del Gran Sahara (Eigs), Adnan Abou Walid al-Sahrawi, è stato «neutralizzato» dalle forze francesi. Ad annunciarlo è…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto: ad agosto frenano nuove immatricolazioni in Europa

Ad agosto le nuove immatricolazioni nell’Unione Europea, nei Paesi Efta e nel Regno Unito sono state 724.710, in calo del 18,1% su base annua. Lo…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia