Gli italiani e le “nuove” condizioni di lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e le “nuove” condizioni di lavoro

Sono favorevoli all’uso delle mascherine la maggior parte dei lavoratori, secondo una ricerca Censis-Eudaimon

di Redazione

Il coronavirus ha cambiato la nostra quotidianità, dalle restrizioni sociali, allo smart working alla didattica a distanza, all’uso della mascherina. Nuove strette sono ora previste per contenere il rialzo dei contagi registrato negli ultimi giorni, ma secondo la recente ricerca Censis-Eudaimon Lavorare durante e dopo il Covid-19: perché è importante il welfare aziendale, gli italiani sembrano abbastanza concordi: l’80% è favorevole a tenere la mascherina ovunque, il dato sale all’86% per le donne. Nello specifico, dalla ricerca emerge che circa tre lavoratori su quattro sono concordi a renderla obbligatoria ovunque, anche nelle aziende e “incentivare” l’uso con delle sanzioni per chi non rispetta la norma.

In generale l’analisi mette in luce che gli italiani, l’83,7% degli intervistati, si sentono pronti ad affrontare la seconda ondata di coronavirus e che, anche se in misura minore, lo è pure l’azienda per cui lavorano: il 63,1% dei lavoratori crede che il luogo di lavoro non si farà cogliere dall’effetto sorpresa questa volta e che l’azienda sia preparata, la percentuale varia dal 70,9% di dirigenti, al 62,8% tra gli impiegati, al 68,5% tra gli operai. Ma l’essere pronti alla seconda ondata non equivale a tornare alle modalità di lavoro preesistenti, nonostante per sei lavoratori su dieci l’autonomia negli orari e negli impegni sia rimasta immutata, ma per quasi la metà del campione sono aumentati stress e fatica.

Durante il periodo di lockdown e nei mesi successivi, la conciliazione tra vita familiare e lavoro è migliorata soprattutto per gli smart workers rispetto ai lavoratori che invece hanno continuato fisicamente a recarsi nel luogo di lavoro: il 41,6% dei primi contro solo poco più del 13% dei secondi. Nello specifico, secondo il 44% di coloro che lavorano da remoto, è migliorata la gestione dei figli, percentuale che invece scende al 15,1% per chi è tornato in presenza. Rispetto al periodo pre-coronavirus, per il 24% di chi lavora in regime di smart working è migliorato il proprio lavoro, contro solo il 7,6% di chi lavora in presenza fisica.

L’emergenza sanitaria e i provvedimenti nel mondo del lavoro che ne sono derivati hanno però messo in luce anche forti gap tra i lavoratori, tanto che secondo la ricerca, per il 46,1% il coronavirus ha complicato ulteriormente la vita familiare e ha differenziato profondamente le condizioni di lavoro nelle aziende. I dati tuttavia mostrano che a pensarla maggiormente in questo modo sono i dirigenti, quasi il 60%, contro il 44,8% degli impiegati e il 45,7% degli operai.

È quindi evidente che la situazione attuale e la pandemia abbiano messo in luce la necessità e l’utilità di strumenti tipici del welfare aziendale – come la possibilità, appunto, dello smart working, degli ingressi scaglionati o degli orari flessibili -, confermando e accelerando l’importanza che questa pratica stava avendo negli ultimi anni.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Mattarella: «Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza, ma anche determinazione»

«Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d’innovazione e qualità». Così il capo…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Unione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca

La Commissione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca. «Chiediamo ad AstraZeneca la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 159 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 159.031.885. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli anticorpi “durano” fino a otto mesi dal contagio

Gli anticorpi, che neutralizzano il virus Sars-CoV-2, persistono nei pazienti fino ad almeno otto mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia,…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia