Usa 2020. Al voto non solo per la Casa Bianca | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2020. Al voto non solo per la Casa Bianca

Election day per rinnovare la Camera e un terzo del Senato. In diversi Stati si vota anche per i governatori

di Redazione

Non solo il presidente. Gli americani oggi, martedì 3 novembre, voteranno anche per il Congresso (la Camera per intero e un terzo del Senato), più in altre elezioni locali per confermare o rinnovare sindaci, governatori (quest’ultimi in particolare in North Carolina, North Dakota, Delaware, Indiana, Missouri, Montana, New Hampshire, Utah, Vermont, Washington, Virginia Occidentale) e Congressi statali. 

Photo by Louis Velazquez on Unsplash

La Camera viene eletta ogni due anni (attualmente qui i democratici sono maggioranza), mentre la situazione uscente al Senato, dove il mandato dura sei anni, registra una maggioranza repubblicana con 53 seggi, i democratici con 45 seggi più i due indipendenti però vicini ai dem (Bernie Sanders e Angus King). In queste elezioni verranno rinnovati 33 seggi con mandato di sei anni, oltre a due suppletive: in Arizona per il seggio che è stato di John McCain (l’ex candidato dei repubblicani alla Casa Bianca è morto nel 2018) e in Georgia, dopo le dimissioni nel 2019 di Johnny Isakson (Partito repubblicano).

Come si vota

Come avviene il voto per Camera e Senato? Per la Camera il voto avviene per collegi elettorali e ogni singolo Stato ha un numero di rappresentanti in proporzione alla popolazione (non c’è limite di mandato per i deputati). Per il Senato l’elezione avviene su base statale, due senatori per ogni Stato, un modello studiato per garantire rappresentanza anche agli Stati più piccoli rispetto a quelli più popolosi.

Avevamo già visto come il voto per un pretendente alla Casa Bianca o l’altro possa trainare anche quello per il candidato repubblicano o democratico di Senato o Camera nel proprio distretto congressuale. Questo lo scenario sondato dal Pew Research Center: circa otto elettori su dieci (78%) affermano che voteranno (o hanno già votato) per Biden e il candidato democratico alla Camera (43%) o per Trump e il candidato repubblicano (35%) nel loro distretto congressuale. Un trend che non si discosta troppo da quanto osservato quattro anni fa. 

Altre questioni 

In Arizona, inoltre, si tiene un referendum sull’uso ricreativo della marijuana.

Le puntate precedenti
Usa 2020. E se fosse un pareggio?
Usa 2020. Uno sguardo ai sondaggi
Usa 2020. Le incognite del voto
Usa 2020. «America First»: la politica estera di Trump
Usa 2020. Le “due economie” degli Stati Uniti
Usa 2020. Gli americani e i media
Usa 2020. Gli scenari a poche settimane dal voto, intervista a Elena Corradi, ricercatrice ISPI

 

3 Commenti per “Usa 2020. Al voto non solo per la Casa Bianca”

Scrivi una replica

News

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/bund a 117 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 117 punti.…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 43,52 dollari al barile e Brent a 46,50 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 43,52 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 46,50 dollari.…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia